SOSTEGNI – Contributo a fondo perduto per le start-up: fino a mille euro per partite Iva aperte nel 2018 e che hanno iniziato l’attività nel 2019

Al via il contributo fino a mille euro per le partite Iva aperte nel 2018 e che hanno iniziato l’attività nel 2019. Lo ha stabilito il Decreto legge n. 41 del 22 marzo 2021 (art. 1-ter), cosiddetto “Decreto Sostegni”.

Il contributo a fondo perduto è riconosciuto nella misura massima di mille euro ai soggetti titolari di reddito d’impresa che hanno attivato la partita IVA dal 1° gennaio 2018 al 31 dicembre 2018la cui attività è iniziata nel corso del 2019, a seguito della presentazione di un’apposita istanza.

Il contributo può essere riconosciuto ai soggetti ai quali non spetta il contributo di cui all’articolo 1 del “Decreto Sostegni”, in quanto l’ammontare medio mensile del fatturato e dei corrispettivi dell’anno 2020 non è inferiore almeno del 30 per cento rispetto all’ammontare medio mensile del fatturato e dei corrispettivi dell’anno 2019, purché siano rispettati gli altri requisiti e le altre condizioni previsti.

Le imprese con i requisiti sopra indicati possono richiedere il contributo a fondo perduto con apposita istanza, da presentare esclusivamente mediante il servizio web disponibile nell’area riservata del portale “Fatture e Corrispettivi” del sito internet dell’Agenzia delle entrate, a partire dal 9 novembre 2021 e fino al 9 dicembre 2021.

Il contributo è riconosciuto per un importo massimo di 1.000 euro.

L’Agenzia delle entrate determinerà l’importo complessivo dei contributi richiesti con le istanze che hanno superato i controlli e, tenuto conto del limite di spesa previsto dalla norma, definirà la percentuale di riparto, rapportando il limite di spesa predetto all’ammontare complessivo dei contributi richiesti con le istanze validamente presentate. Quindi, se l’importo complessivo dei contributi richiesti con tutte le istanze validamente elaborate risulterà superiore ai fondi stanziati, l’Agenzia determinerà la percentuale di ripartizione proporzionale

Documentazione

SOSTEGNI – Contributo a fondo perduto per le start-up: fino a mille euro per partite Iva aperte nel 2018 e che hanno iniziato l’attività nel 2019

Al via il contributo fino a mille euro per le partite Iva aperte nel 2018 e che hanno iniziato l’attività nel 2019. Lo ha stabilito il Decreto legge n. 41 del 22 marzo 2021 (art. 1-ter), cosiddetto “Decreto Sostegni”.

Il contributo a fondo perduto è riconosciuto nella misura massima di mille euro ai soggetti titolari di reddito d’impresa che hanno attivato la partita IVA dal 1° gennaio 2018 al 31 dicembre 2018la cui attività è iniziata nel corso del 2019, a seguito della presentazione di un’apposita istanza.

Il contributo può essere riconosciuto ai soggetti ai quali non spetta il contributo di cui all’articolo 1 del “Decreto Sostegni”, in quanto l’ammontare medio mensile del fatturato e dei corrispettivi dell’anno 2020 non è inferiore almeno del 30 per cento rispetto all’ammontare medio mensile del fatturato e dei corrispettivi dell’anno 2019, purché siano rispettati gli altri requisiti e le altre condizioni previsti.

Le imprese con i requisiti sopra indicati possono richiedere il contributo a fondo perduto con apposita istanza, da presentare esclusivamente mediante il servizio web disponibile nell’area riservata del portale “Fatture e Corrispettivi” del sito internet dell’Agenzia delle entrate, a partire dal 9 novembre 2021 e fino al 9 dicembre 2021.

Il contributo è riconosciuto per un importo massimo di 1.000 euro.

L’Agenzia delle entrate determinerà l’importo complessivo dei contributi richiesti con le istanze che hanno superato i controlli e, tenuto conto del limite di spesa previsto dalla norma, definirà la percentuale di riparto, rapportando il limite di spesa predetto all’ammontare complessivo dei contributi richiesti con le istanze validamente presentate. Quindi, se l’importo complessivo dei contributi richiesti con tutte le istanze validamente elaborate risulterà superiore ai fondi stanziati, l’Agenzia determinerà la percentuale di ripartizione proporzionale

Documentazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.