SISMA 2016 CENTRO ITALIA – Comuni colpiti da sisma: in G.U. il Decreto che ripartisce le risorse per le stabilizzazioni del personale degli Uffici speciali per la ricostruzione

Comuni colpiti da sisma: in G.U. il Decreto che
ripartisce le risorse per le stabilizzazioni del
personale degli Uffici speciali per la ricostruzione

In G.U. n. 284 del 29 novembre 2021 è stato pubblicato il Dpcm. 9 ottobre
2021, concernente il “Riparto del ‘Fondo per le assunzioni a tempo
indeterminato presso le Regioni, gli Enti Locali e le Unioni dei Comuni
ricompresi nei crateri dei sismi del 2002, del 2009, del 2012 e del 2016,
nonché presso gli Enti Parco nazionali’”.
Il Dpcm. attua le previsioni contenute nell’art. 57 del Dl. n. 104/2020,
convertito con modificazioni, dalla Legge n. 126/2020 (cd. “Decreto Agosto”).
In particolare, il comma 3 della disposizione citata prevede, tra l’altro, che le
Regioni e gli Enti Locali, ivi comprese le Unioni dei Comuni, ricompresi nei
crateri dei sismi del 2002, del 2009, del 2012 e del 2016, nonché gli Enti
Parco nazionali autorizzati alle assunzioni di personale a tempo determinato
ai sensi dell’art. 3, comma 1, ultimo periodo, del Dl. n. 189/2016, convertito
con modificazioni dalla Legge n. 229/2016, in coerenza con il “Piano triennale
dei fabbisogni” di cui all’art. 6 del Dlgs. n. 165/2001 possono assumere a
tempo indeterminato, con le procedure, i termini e le modalità di cui all’art. 20
del Dlgs. n. 75/2017, il personale con rapporto di lavoro a tempo determinato
in servizio presso gli Uffici speciali per la ricostruzione e presso gli Enti Locali
dei predetti crateri. Al personale citato con contratti di lavoro a tempo
determinato che abbia svolto presso i suddetti Enti, alla data del 31 dicembre
2021, un’attività lavorativa di almeno 3 anni, anche non continuativi, nei
precedenti 8 anni è riservata una quota non superiore al 50% dei posti
disponibili nell’ambito dei concorsi pubblici banditi dai predetti Enti. Per tali
concorsi i relativi bandi prevedono altresì l’adeguata valorizzazione
dell’esperienza lavorativa maturata con contratti di somministrazione e lavoro.
Il presente Dpcm., in attuazione del comma 3-bis dell’art. 57 citato, determina
il riparto delle risorse afferenti all’apposito “Fondo”, istituito presso il Ministero
dell’Economia e delle Finanze, finalizzato al concorso agli oneri derivanti dalle
assunzioni a tempo indeterminato sopra indicate.
All’esito dell’istruttoria delle domande pervenute, è risultato che sono state
presentate 133 Istanze ammissibili per la stabilizzazione di complessive 499
unità di personale da parte degli Enti indicati nell’elenco Allegato “1” del
presente Decreto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.