MITE – MINISTERO PER LA TRANSIZIONE ECOLOGICA – ATTIVAZIONE DELLA PIATTAFORMA PER IL BONUS IDRICO 2022

BONUS IDRICO 2021, piattaforma attiva alle 12.00 di giovedì 17 febbraio

Si comunica la tanto attesa attivazione della piattaforma del Ministero della Transizione Ecologica per avere accesso al BONUS IDRICO 2021, quindi per le spese effettuate dal 1° gennaio 2021 per i seguenti interventi:

Fornitura e posa in opera di vasi sanitari in ceramica con volume massimo di scarico non superiore a 6 litri (compresi i relativi sistemi di scarico);

Fornitura e installazione di rubinetti e miscelatori per bagno e cucina, compresi i dispositivi per il controllo di flusso di acqua con portata non superiore a 6 litri al minuto;

Soffioni doccia e colonne doccia con valori di portata di acqua uguale o inferiore a 9 litri al minuto.              Rientrano nel massimale di spesa anche le opere idrauliche e murarie collegate e gli oneri di smontaggio e dismissione dei sistemi preesistenti.

La Piattaforma Bonus Idrico sarà attiva e disponibile per l’inserimento delle richieste a partire dalle ore 12:00 del 17 febbraio 2022. L’inserimento di dati e allegati richiesti dovrà essere completato entro 30 minuti dall’accesso e, nelle tre ore successive all’invio della domanda, sarà comunque possibile correggere i dati inseriti.

Il rimborso sarà emesso secondo l’ordine temporale di ricezione delle istanze, fino ad esaurimento delle risorse annuali e negato nel caso in cui la richiesta risulti incompleta di informazioni e/o degli allegati richiesti.

L’accesso alla piattaforma è subordinato ad autenticazione accertata attraverso SPID o Carta d’Identità Elettronica CIE.

A seguire sarà necessario fornire:

nome, cognome, codice fiscale del beneficiario;

importo della spesa sostenuta, per cui si richiede il rimborso;

quantità del bene e specifiche della posa in opera o installazione;

specifiche tecniche, per ogni bene sostituito da apparecchi a limitazione di flusso d’acqua, oltre a specifica della portata massima d’acqua (in l/min) del prodotto acquistato;

identificativo catastale dell’immobile (Comune, Sezione, Sezione Urbana, Foglio, Particella, Subalterno) per cui si presenta richiesta;

coordinate del conto corrente bancario/postale (IBAN) del beneficiario su cui accreditare il rimborso;

indicazione del titolo giuridico per il quale si richiede il bonus (proprietario, cointestatario, locatario, …)

copia della fattura elettronica o del documento commerciale in cui è riportato il codice fiscale del soggetto richiedente il credito (per i soggetti non tenuti ad emettere fattura elettronica, si considera valida anche l’emissione di una fattura o di un documento commerciale, attestante l’acquisto del bene, copia del versamento bancario o postale, documentazione del venditore idonea a ricondurre la transazione allo specifico prodotto acquistato, come da modello disponibile sulla Piattaforma).           

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.