Legge di Bilancio 2022: proroga Bonus verde fino al 2024

Legge di Bilancio 2022: proroga Bonus
verde fino al 2024

di Celeste Vivenzi
La Legge di bilancio 2022 ha prorogato l’agevolazione del Bonus verde fino a
tutto l’anno 2024 per le “spese sostenute per interventi di sistemazione a verde
di aree scoperte private o condominiali di edifici esistenti, unità immobiliari e
pertinenze”. Analizziamo cosa dispone la più recente normativa…
Bonus verde: analisi della normativa
Torniamo a distanza di un anno sugli aspetti principali che caratterizzano il
bonus verde e che sono i seguenti:
1) Soggetti a cui spetta il bonus verde
In via generale la detrazione spetta a chi possiede o detiene, sulla base di un
titolo idoneo, l’immobile oggetto degli interventi e che ha sostenuto le relative
spese (proprietari, nudi proprietari, titolari di un diritto reale di godimento
sull’immobile oggetto di intervento (usufrutto, uso, abitazione o superficie),
locatari (affittuari) o comodatari, ente pubblico o privato, assegnatari di case
popolari).
2) Tipologie dei lavori che danno diritto all’agevolazione
Come detto il bonus verde è una detrazione IRPEF del 36% delle spese
sostenute ed effettivamente rimaste a carico dei contribuenti che possiedono
o detengono, sulla base di un titolo idoneo, l’immobile sul quale sono effettuati
specifici interventi ovvero:
a. sistemazione a verde di aree scoperte private di edifici esistenti,
unità immobiliari, pertinenze o recinzioni, impianti di irrigazione e
realizzazione pozzi;
b. realizzazione di coperture a verde e di giardini pensili.
Nota: rientrano nelle spese agevolate gli “interventi straordinari di
sistemazione a verde con particolare riguardo alla fornitura e messa a
dimora di piante o arbusti di qualsiasi genere o tipo, alla riqualificazione
di tappeti erbosi, con esclusione di quelli utilizzati per uso sportivo con
fini di lucro, anche mediante la realizzazione o l’adeguamento di impianti
di irrigazione nonché a lavori di restauro e recupero del verde relativo a
giardini di interesse storico e artistico”.
E’ ammesso all’agevolazione anche l’intervento di sistemazione a verde nel
suo complesso, comprensivo delle opere necessarie alla sua realizzazione e
non il solo acquisto di piante o altro materiale (è possibile usufruire
dell’agevolazione anche per la collocazione di piante o vegetali in vasi se
rientra all’interno di un più ampio intervento di sistemazione a verde
dell’immobile residenziale).
3) Bonus verde e condomini
Rientrano tra le spese anche quelle di progettazione e manutenzione
connesse all’esecuzione di tali interventi e la detrazione è riconosciuta anche
agli interventi eseguiti sulle parti comuni degli edifici condominiali.
In linea generale rientrano nelle spese agevolabili le seguenti tipologie di
lavori:
● trasformazione di un’area incolta o un cortile in un giardino;
● fornitura e messa a dimora di piante o arbusti di qualsiasi genere o
tipo;
● la risistemazione totale di un giardino con nuove aiuole, vialetti e
recinzioni;
● riqualificazione di tappeti erbosi, con esclusione di quelli utilizzati per
uso sportivo con fini di lucro;
● lavori di restauro e recupero del verde relativo a giardini di interesse
storico e artistico;
● interventi mirati al mantenimento del buono stato vegetativo e alla
difesa fitosanitaria di alberi secolari o di esemplari arborei di notevole
pregio paesaggistico, naturalistico, monumentale, storico e culturale
(le fioriere e l’allestimento a verde di balconi e terrazzi è
agevolabile solo se permanente e a condizione che si riferisca
ad un intervento innovativo di sistemazione a verde degli
immobili residenziali).
E’ possibile usufruire della detrazione anche per installazione o
rifacimento di impianti di irrigazione, realizzazione di pozzi, realizzazione
di coperture a verde; e realizzazione di giardini pensili.
4) Interventi esclusi dall’agevolazione
Sono esclusi gli interventi di manutenzione ordinaria annuale di giardini
preesistenti sia privati che condominiali.
5) Interventi dati in appalto o direttamente eseguiti dal contribuente
Il bonus può essere fruito solo per gli interventi appaltati a ditte, mentre sono
esclusi i lavori eseguiti direttamente dal contribuente.
6) Interventi realizzati su unità immobiliari residenziali adibite
promiscuamente all’esercizio dell’arte o della professione/attività
commerciale
Se gli interventi che danno diritto all’agevolazione vengono realizzati su unità
immobiliari residenziali adibite promiscuamente all’esercizio dell’arte o della
professione/attività commerciale, la detrazione spettante è ridotta del 50%.
7) Vendita dell’unità immobiliare sulla quale sono stati realizzati gli
interventi
In caso di vendita dell’unità immobiliare sulla quale sono stati realizzati gli
interventi, la detrazione non utilizzata in tutto o in parte è trasferita, per i
rimanenti periodi di imposta, salvo diverso accordo delle parti, all’acquirente
persona fisica dell’unità immobiliare (il trasferimento di una sola quota
dell’immobile non determina un analogo trasferimento del diritto alla
detrazione).
Nota: l’Agenzia delle Entrate ha chiarito che in caso di trasferimento per atto
tra vivi il venditore ha la possibilità di scegliere se continuare a usufruire del
bonus verde non ancora utilizzato o trasferire il diritto all’acquirente (persona
fisica) dell’immobile (in assenza di specifiche indicazioni nell’atto di
compravendita, il beneficio viene automaticamente trasferito
all’acquirente dell’immobile).
8) Decesso dell’avente diritto alla detrazione
In tal caso la fruizione del beneficio fiscale si trasmette esclusivamente
all’erede che conserva la detenzione materiale e diretta del bene e la
condizione della detenzione del bene deve sussistere non soltanto per l’anno
di accettazione dell’eredità ma anche per ciascun anno per il quale si vuole
fruire delle residue rate di detrazione.
9) Ripartizione della detrazione spettante
La detrazione deve essere ripartita in 10 quote annuali di pari importo e deve
essere calcolata su un importo massimo di spesa di euro 5.000 euro per unità
immobiliare oggetto di intervento (non sembra applicabile al bonus in
oggetto la cessione del credito e lo sconto in fattura).
10) Pagamento delle spese di cui all’agevolazione
E’ necessario che il pagamento delle spese venga effettuato attraverso
strumenti idonei a consentire la tracciabilità delle operazioni tracciabilità delle
operazioni, come ad esempio assegno bancario, postale, circolare non
trasferibile o con modalità informatizzate quali utilizzo di carte di credito,
bancomat o bonifici (non è necessario il bonifico che si utilizza per le
ristrutturazioni in genere).
Nota: vale il principio di cassa ovvero la data del pagamento e pertanto
l’agevolazione è usufruibile nell’anno di imposta del pagamento (non rileva la data
di fine dei lavori o della fattura).
Pertanto a seguito della proroga al 2024 sono detraibili anche gli interventi effettuati
nel periodo 2021 ma effettivamente pagati nel 2022 (ai fini del riconoscimento
dell’incentivo rileva la data di pagamento delle spese).
Ai fini della cumulabilità del limite di euro 5.000 per il bonus verde con il limite di euro
96.000 previsto per le spese di ristrutturazione riferite alla stessa unità immobiliare
abitativa occorre ribadire che, come chiarito dal Provvedimento del 14 febbraio
2019 dell’Agenzia delle Entrate, è possibile usufruire di entrambe le detrazioni
(96.000 euro e 5.000 euro per un totale di euro 101.000).
fonte: COMMERCIALISTA DEMOCRATICO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.