INCENTIVI PER LE IMPRESE – DECRETO SOSTEGNI BIS – CONTRATTO DI RIOCCUPAZIONE: INCENTIVO, COME FUNZIONA, DOMANDA

Contratto di rioccupazio

Contratto di rioccupazione: incentivo, come

funziona, domanda

Come funziona, a cosa serve, a chi spetta e quali sono le finalità del

contratto di rioccupazione previsto nel Decreto Sostegni Bis

Dal 15 settembre è possibile richiedere l’esonero contributivo previsto dal

contratto di rioccupazione, il nuovo strumento introdotto dal decreto sostegni

bis per incentivare le assunzioni di disoccupati.

La misura prevede, infatti, la decontribuzione totale per le aziende che

assumono lavoratori con questa nuova forma contrattuale. L’incentivo spetta

solo ai datori di lavoro privati e prevede inserimenti a tempo indeterminato.

Vediamo in dettaglio come funziona il contratto di rioccupazione, i requisiti, gli

incentivi previsti e come fare domanda.

CONTRATTO DI RIOCCUPAZIONE: COS’È

Il contratto di rioccupazione è una misura di incentivo all’occupazione che fa

parte del pacchetto di aiuti per lavoratori e imprese introdotto dal

decreto-legge 25 maggio 2021, n. 73 (c.d. decreto sostegni bis), convertito,

con modificazioni, dalla legge 23 luglio 2021, n. 106. Si tratta, in sostanza, di

un nuovo tipo di contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato e,

al contempo, di un bonus per i datori di lavoro privati che assumono

disoccupati con questa tipologia contrattuale. Questi ultimi, infatti, hanno

diritto all’esonero del 100% dei contributi.

Lo scopo della misura è promuovere l’occupazione e incentivare la ripresa

economica dopo la pandemia da covid-19. La misura è gestita dall’Inps che,

con la circolare n. 115 del 02-08-2021 ha fornito le prime indicazioni sulla

decontribuzione totale per le assunzioni con contratto di rioccupazione.

Inoltre, con il messaggio n. 3050 del 9 settembre 2021, l’Istituto ha

comunicato l’apertura delle domande per ottenere l’incentivo e ha fornito le

istruzioni per fare richiesta.

Ecco tutte le informazioni sul nuovo contratto introdotto dal decreto sostegni

bis e sull’incentivo per le assunzioni, a chi spetta e ogni altra cosa utile da

sapere.

COME FUNZIONA IL CONTRATTO DI RIOCCUPAZIONE SOSTEGNI BIS

Il contatto di rioccupazione 2021 è stato introdotto in via eccezionale dal

decreto sostegni bis ed è applicabile solo per il periodo che va dal 1° luglio

2021 al 31 ottobre 2021. Può essere utilizzato per assumere a tempo

indeterminato lavoratori in stato di disoccupazione. Chi è destinatario di

tale tipo di contratto potrà ottenere un classico rapporto di lavoro subordinato

a tempo indeterminato. Viene stipulato in forma scritta ed è connesso alla

formazione del lavoratore.

L’assunzione con questo nuovo tipo di rapporto di lavoro è subordinata, infatti,

all’avvio di un progetto individuale di inserimento che dura 6 mesi. Il piano

formativo ha lo scopo di garantire l’adeguamento delle competenze

professionali del lavoratore al nuovo contesto professionale in cui è inserito. Al

termine di tale periodo, il datore di lavoro può decidere di recedere il contratto

o di procedere con il rapporto di lavoro subordinato a tempo indeterminato.

SGRAVI CONTRIBUTIVI PER IL DATORE DI LAVORO

I datori di lavoro privati che assumono un lavoratore con il contratto di

rioccupazione hanno diritto ad uno sgravio contributivo totale. Sono esclusi

il settore agricolo e il lavoro domestico.

Nello specifico, il datore di lavoro è esonerato dal versamento del 100% dei

contributi previdenziali previsti a suo carico, per un periodo di massimo 6

mesi. Sono esclusi i contributi dovuti all’INAIL ed eventuali premi. Resta

ferma l’aliquota di computo delle prestazioni pensionistiche.

L’esonero contributivo ha un limite massimo di importo pari a 6.000 euro su

base annua. Questo valore va applicato su base mensile e riparametrato.

Quindi la soglia massima di esonero della contribuzione datoriale riferita al

periodo di paga mensile è di 500 euro (6.000/12). Per i rapporti di lavoro

instaurati nel corso del mese l’importo va calcolato tenendo come riferimento

la misura di 16,12 euro (500/31) per ogni giorno di fruizione dell’esonero

contributivo. Nelle ipotesi di rapporti di lavoro a tempo parziale, il massimale

dell’agevolazione deve essere proporzionalmente ridotto.

A CHI SPETTA

Lo sgravio contributivo spetta ai datori di lavoro privati, eccetto quelli del

settore domestico e agricolo, che:

● effettuano nuove assunzioni mediante il contratto di rioccupazione nel

periodo compreso tra il 1° luglio 2021 e il 31 ottobre 2021;

● non hanno fatto licenziamenti individuali per un reale motivo

giustificato o collettivi nella unità produttiva della loro struttura nei sei

mesi precedenti all’assunzione;

● non rientrano tra le imprese finanziarie.

Oltre ai datori di lavoro del settore domestico o agricolo, sono esclusi anche

gli enti della pubblica amministrazione, quelli ovvero citati nel decreto

legislativo 30 marzo 2001, n. 165, articolo 1, comma 2.

CONTRATTO DI RIOCCUPAZIONE REQUISITI LAVORATORI

La nuova tipologia contrattuale prevista dal decreto sostegni bis può essere

utilizzata solo per assumere lavoratori disoccupati ai sensi dell’art. 19 del

decreto-legislativo 14 settembre 2015, n. 150. Quindi i soggetti privi di

impiego che dichiarano la propria immediata disponibilità allo svolgimento di

attività lavorativa e alla partecipazione a misure di politica attiva del lavoro

concordate con il centro per l’impiego.

NON APPLICABILITÀ DEL CONTRATTO DI RIOCCUPAZIONE

L’incentivo per le assunzioni con il nuovo contratto introdotto dal decreto

sostegni bis non è applicabile se l’assunzione è effettuata con altre forme

contrattuali, anche a tempo indeterminato. Quindi non è fruibile anche nel

caso della stipula di un contratto di apprendistato.

Il contratto di rioccupazione non è valido, poi, per la trasformazione a tempo

indeterminato di un rapporto a termine in corso. Nel caso di trasformazioni di

contratti, infatti, viene meno il requisito che il lavoratore si trovi nello stato di

disoccupazione al momento dell’instaurazione del rapporto di lavoro.

Inoltre, non trova applicazione nei seguenti casi:

● l’assunzione viola il diritto di precedenza, stabilito dalla legge o dal

contratto collettivo, alla riassunzione di un altro lavoratore licenziato da

un rapporto a tempo indeterminato o cessato da un rapporto a termine

che abbia manifestato per iscritto – entro sei mesi dalla cessazione del

rapporto (tre mesi per i rapporti stagionali) – la propria volontà di essere

riassunto;

● presso il datore di lavoro o l’utilizzatore con contratto di

somministrazione sono in atto sospensioni dal lavoro connesse a una

crisi o riorganizzazione aziendale, salvi i casi in cui l’assunzione o la

somministrazione siano finalizzate all’assunzione di lavoratori inquadrati

a un livello diverso da quello posseduto dai lavoratori sospesi o da

impiegare in unità produttive diverse da quelle interessate dalla

sospensione.

REVOCA DEL BENEFICIO: QUANDO AVVIENE?

Il beneficio può essere revocato per i datori di lavoro. Infatti, se non

rispettano le condizioni previste per l’applicazione del contratto, possono

andare incontro alla revoca dello sgravio contributivo e al recupero di quanto

già fruito. In particolare, l’incentivo viene revocato se il datore di lavoro:

● licenzia il lavoratore nel periodo del progetto di inserimento individuale;

● non conferma il lavoratore o intima il licenziamento al termine del

periodo di inserimento;

● effettua un licenziamento individuale o collettivo per giustificato motivo

oggettivo di un dipendente o più dipendenti della stessa unità produttiva

che rientrano nella stessa categoria e nel livello di inquadramento del

lavoratore assunto con il contratto di rioccupazione sostegni bis nei sei

mesi successivi all’assunzione.

Relativamente al computo del periodo residuo utile per fruire dello sgravio

contributivo, la revoca non avrà effetto sugli altri datori di lavoro che poi

assumeranno eventualmente il lavoratore licenziato con il medesimo

contratto. Se il lavoratore si dimette, invece, il beneficio viene riconosciuto

per tutta la durata effettiva del rapporto e il datore di lavoro non deve restituire

lo sgravio già fruito.

COME FARE DOMANDA

Per usufruire dell’incentivo per le assunzioni con contratto di rioccupazione

occorre fare apposita domanda all’Inps. L’Istituto ha rilasciato la procedura

per richiedere l’agevolazione. Le domande vanno presentate a partire dal 15

settembre 2021, tramite l’applicazione Portale delle Agevolazioni (ex

DiResCo) presente sul sito web dell’Istituto.

Il beneficio può essere richiesto utilizzando il modulo di istanza on-line

RIOC, che va compilato dal datore di lavoro con tutte le informazioni richieste.

Una volta inviato l’Inps procede ad effettuare le opportune verifiche e a

calcolare l’importo dell’agevolazione fruibile.

PAGAMENTO

In caso di accoglimento della domanda, l’agevolazione sarà erogata in quote

mensili, a partire dal mese di assunzione per massimo sei mensilità, ferma

restando la permanenza del rapporto di lavoro. L’incentivo potrà essere fruito

mediante conguaglio nelle denunce contributive.

VANTAGGI E SVANTAGGI DEL CONTRATTO DI RIOCCUPAZIONE

Ci sono alcuni punti favorevoli e altri sfavorevoli nell’applicazione di questo

tipo di contratto. Sicuramente, tra i punti a favore vi è il fatto che in un periodo

di crisi così generalizzata, cercare di aiutare un lavoratore ad acquisire

competenze ed esperienze per integrarsi in un nuovo contesto lavorativo è

un bene. Inoltre, è una misura di incentivo al lavoro molto semplice da

applicare e che comporta un risparmio totale per il datore di lavoro. Il

periodo di prova poi viene effettuato con dei termini nuovi rispetto al passato,

il lavoratore può vedere trasformato il suo rapporto di lavoro a tempo

indeterminato direttamente e può migliorare la propria formazione. Tra i

vantaggi vi è anche il fatto che gli sgravi sono cumulabili durante tutto il

periodo di prova.

Per quanto riguarda, invece, gli svantaggi di questo provvedimento si segnala

che il contratto di rioccupazione è dedicato solo a coloro che sono

disoccupati. Quindi, chi è in cassa integrazione non può accedere. Anche

chi non ha mai lavorato, non può essere ammesso a questo tipo di

contratto. Tra gli altri svantaggi rientra, inoltre, l’esclusione degli enti

pubblici, nonché dei i datori di lavoro privati del settore agricolo e di quello

domestico.

RIFERIMENTI NORMATIVI

DECRETO SOSTEGNI BIS (Pdf 440Kb) – decreto-legge 25 maggio 2021, n. 73.

LEGGE DI CONVERSIONE (Pdf 832Kb) del decreto sostegni bis – legge 23 luglio 2021, n.

106.

CIRCOLARE INPS n. 115 (Pdf 236Kb) del 02-08-2021.

MESSAGGIO INPS n. 3050 (Pdf 181Kb) del 09-09-2021.

DECRETO-LEGISLATIVO 30 marzo 2001, n. 165 (Pdf 672Kb).

DECRETO-LEGISLATIVO 14 settembre 2015, n. 150 (Pdf 322Kb)

ne: incentivo, come

funziona, domanda

Come funziona, a cosa serve, a chi spetta e quali sono le finalità del

contratto di rioccupazione previsto nel Decreto Sostegni Bis

Dal 15 settembre è possibile richiedere l’esonero contributivo previsto dal

contratto di rioccupazione, il nuovo strumento introdotto dal decreto sostegni

bis per incentivare le assunzioni di disoccupati.

La misura prevede, infatti, la decontribuzione totale per le aziende che

assumono lavoratori con questa nuova forma contrattuale. L’incentivo spetta

solo ai datori di lavoro privati e prevede inserimenti a tempo indeterminato.

Vediamo in dettaglio come funziona il contratto di rioccupazione, i requisiti, gli

incentivi previsti e come fare domanda.

CONTRATTO DI RIOCCUPAZIONE: COS’È

Il contratto di rioccupazione è una misura di incentivo all’occupazione che fa

parte del pacchetto di aiuti per lavoratori e imprese introdotto dal

decreto-legge 25 maggio 2021, n. 73 (c.d. decreto sostegni bis), convertito,

con modificazioni, dalla legge 23 luglio 2021, n. 106. Si tratta, in sostanza, di

un nuovo tipo di contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato e,

al contempo, di un bonus per i datori di lavoro privati che assumono

disoccupati con questa tipologia contrattuale. Questi ultimi, infatti, hanno

diritto all’esonero del 100% dei contributi.

Lo scopo della misura è promuovere l’occupazione e incentivare la ripresa

economica dopo la pandemia da covid-19. La misura è gestita dall’Inps che,

con la circolare n. 115 del 02-08-2021 ha fornito le prime indicazioni sulla

decontribuzione totale per le assunzioni con contratto di rioccupazione.

Inoltre, con il messaggio n. 3050 del 9 settembre 2021, l’Istituto ha

comunicato l’apertura delle domande per ottenere l’incentivo e ha fornito le

istruzioni per fare richiesta.

Ecco tutte le informazioni sul nuovo contratto introdotto dal decreto sostegni

bis e sull’incentivo per le assunzioni, a chi spetta e ogni altra cosa utile da

sapere.

COME FUNZIONA IL CONTRATTO DI RIOCCUPAZIONE SOSTEGNI BIS

Il contatto di rioccupazione 2021 è stato introdotto in via eccezionale dal

decreto sostegni bis ed è applicabile solo per il periodo che va dal 1° luglio

2021 al 31 ottobre 2021. Può essere utilizzato per assumere a tempo

indeterminato lavoratori in stato di disoccupazione. Chi è destinatario di

tale tipo di contratto potrà ottenere un classico rapporto di lavoro subordinato

a tempo indeterminato. Viene stipulato in forma scritta ed è connesso alla

formazione del lavoratore.

L’assunzione con questo nuovo tipo di rapporto di lavoro è subordinata, infatti,

all’avvio di un progetto individuale di inserimento che dura 6 mesi. Il piano

formativo ha lo scopo di garantire l’adeguamento delle competenze

professionali del lavoratore al nuovo contesto professionale in cui è inserito. Al

termine di tale periodo, il datore di lavoro può decidere di recedere il contratto

o di procedere con il rapporto di lavoro subordinato a tempo indeterminato.

SGRAVI CONTRIBUTIVI PER IL DATORE DI LAVORO

I datori di lavoro privati che assumono un lavoratore con il contratto di

rioccupazione hanno diritto ad uno sgravio contributivo totale. Sono esclusi

il settore agricolo e il lavoro domestico.

Nello specifico, il datore di lavoro è esonerato dal versamento del 100% dei

contributi previdenziali previsti a suo carico, per un periodo di massimo 6

mesi. Sono esclusi i contributi dovuti all’INAIL ed eventuali premi. Resta

ferma l’aliquota di computo delle prestazioni pensionistiche.

L’esonero contributivo ha un limite massimo di importo pari a 6.000 euro su

base annua. Questo valore va applicato su base mensile e riparametrato.

Quindi la soglia massima di esonero della contribuzione datoriale riferita al

periodo di paga mensile è di 500 euro (6.000/12). Per i rapporti di lavoro

instaurati nel corso del mese l’importo va calcolato tenendo come riferimento

la misura di 16,12 euro (500/31) per ogni giorno di fruizione dell’esonero

contributivo. Nelle ipotesi di rapporti di lavoro a tempo parziale, il massimale

dell’agevolazione deve essere proporzionalmente ridotto.

A CHI SPETTA

Lo sgravio contributivo spetta ai datori di lavoro privati, eccetto quelli del

settore domestico e agricolo, che:

● effettuano nuove assunzioni mediante il contratto di rioccupazione nel

periodo compreso tra il 1° luglio 2021 e il 31 ottobre 2021;

● non hanno fatto licenziamenti individuali per un reale motivo

giustificato o collettivi nella unità produttiva della loro struttura nei sei

mesi precedenti all’assunzione;

● non rientrano tra le imprese finanziarie.

Oltre ai datori di lavoro del settore domestico o agricolo, sono esclusi anche

gli enti della pubblica amministrazione, quelli ovvero citati nel decreto

legislativo 30 marzo 2001, n. 165, articolo 1, comma 2.

CONTRATTO DI RIOCCUPAZIONE REQUISITI LAVORATORI

La nuova tipologia contrattuale prevista dal decreto sostegni bis può essere

utilizzata solo per assumere lavoratori disoccupati ai sensi dell’art. 19 del

decreto-legislativo 14 settembre 2015, n. 150. Quindi i soggetti privi di

impiego che dichiarano la propria immediata disponibilità allo svolgimento di

attività lavorativa e alla partecipazione a misure di politica attiva del lavoro

concordate con il centro per l’impiego.

NON APPLICABILITÀ DEL CONTRATTO DI RIOCCUPAZIONE

L’incentivo per le assunzioni con il nuovo contratto introdotto dal decreto

sostegni bis non è applicabile se l’assunzione è effettuata con altre forme

contrattuali, anche a tempo indeterminato. Quindi non è fruibile anche nel

caso della stipula di un contratto di apprendistato.

Il contratto di rioccupazione non è valido, poi, per la trasformazione a tempo

indeterminato di un rapporto a termine in corso. Nel caso di trasformazioni di

contratti, infatti, viene meno il requisito che il lavoratore si trovi nello stato di

disoccupazione al momento dell’instaurazione del rapporto di lavoro.

Inoltre, non trova applicazione nei seguenti casi:

● l’assunzione viola il diritto di precedenza, stabilito dalla legge o dal

contratto collettivo, alla riassunzione di un altro lavoratore licenziato da

un rapporto a tempo indeterminato o cessato da un rapporto a termine

che abbia manifestato per iscritto – entro sei mesi dalla cessazione del

rapporto (tre mesi per i rapporti stagionali) – la propria volontà di essere

riassunto;

● presso il datore di lavoro o l’utilizzatore con contratto di

somministrazione sono in atto sospensioni dal lavoro connesse a una

crisi o riorganizzazione aziendale, salvi i casi in cui l’assunzione o la

somministrazione siano finalizzate all’assunzione di lavoratori inquadrati

a un livello diverso da quello posseduto dai lavoratori sospesi o da

impiegare in unità produttive diverse da quelle interessate dalla

sospensione.

REVOCA DEL BENEFICIO: QUANDO AVVIENE?

Il beneficio può essere revocato per i datori di lavoro. Infatti, se non

rispettano le condizioni previste per l’applicazione del contratto, possono

andare incontro alla revoca dello sgravio contributivo e al recupero di quanto

già fruito. In particolare, l’incentivo viene revocato se il datore di lavoro:

● licenzia il lavoratore nel periodo del progetto di inserimento individuale;

● non conferma il lavoratore o intima il licenziamento al termine del

periodo di inserimento;

● effettua un licenziamento individuale o collettivo per giustificato motivo

oggettivo di un dipendente o più dipendenti della stessa unità produttiva

che rientrano nella stessa categoria e nel livello di inquadramento del

lavoratore assunto con il contratto di rioccupazione sostegni bis nei sei

mesi successivi all’assunzione.

Relativamente al computo del periodo residuo utile per fruire dello sgravio

contributivo, la revoca non avrà effetto sugli altri datori di lavoro che poi

assumeranno eventualmente il lavoratore licenziato con il medesimo

contratto. Se il lavoratore si dimette, invece, il beneficio viene riconosciuto

per tutta la durata effettiva del rapporto e il datore di lavoro non deve restituire

lo sgravio già fruito.

COME FARE DOMANDA

Per usufruire dell’incentivo per le assunzioni con contratto di rioccupazione

occorre fare apposita domanda all’Inps. L’Istituto ha rilasciato la procedura

per richiedere l’agevolazione. Le domande vanno presentate a partire dal 15

settembre 2021, tramite l’applicazione Portale delle Agevolazioni (ex

DiResCo) presente sul sito web dell’Istituto.

Il beneficio può essere richiesto utilizzando il modulo di istanza on-line

RIOC, che va compilato dal datore di lavoro con tutte le informazioni richieste.

Una volta inviato l’Inps procede ad effettuare le opportune verifiche e a

calcolare l’importo dell’agevolazione fruibile.

PAGAMENTO

In caso di accoglimento della domanda, l’agevolazione sarà erogata in quote

mensili, a partire dal mese di assunzione per massimo sei mensilità, ferma

restando la permanenza del rapporto di lavoro. L’incentivo potrà essere fruito

mediante conguaglio nelle denunce contributive.

VANTAGGI E SVANTAGGI DEL CONTRATTO DI RIOCCUPAZIONE

Ci sono alcuni punti favorevoli e altri sfavorevoli nell’applicazione di questo

tipo di contratto. Sicuramente, tra i punti a favore vi è il fatto che in un periodo

di crisi così generalizzata, cercare di aiutare un lavoratore ad acquisire

competenze ed esperienze per integrarsi in un nuovo contesto lavorativo è

un bene. Inoltre, è una misura di incentivo al lavoro molto semplice da

applicare e che comporta un risparmio totale per il datore di lavoro. Il

periodo di prova poi viene effettuato con dei termini nuovi rispetto al passato,

il lavoratore può vedere trasformato il suo rapporto di lavoro a tempo

indeterminato direttamente e può migliorare la propria formazione. Tra i

vantaggi vi è anche il fatto che gli sgravi sono cumulabili durante tutto il

periodo di prova.

Per quanto riguarda, invece, gli svantaggi di questo provvedimento si segnala

che il contratto di rioccupazione è dedicato solo a coloro che sono

disoccupati. Quindi, chi è in cassa integrazione non può accedere. Anche

chi non ha mai lavorato, non può essere ammesso a questo tipo di

contratto. Tra gli altri svantaggi rientra, inoltre, l’esclusione degli enti

pubblici, nonché dei i datori di lavoro privati del settore agricolo e di quello

domestico.

RIFERIMENTI NORMATIVI

DECRETO SOSTEGNI BIS (Pdf 440Kb) – decreto-legge 25 maggio 2021, n. 73.

LEGGE DI CONVERSIONE (Pdf 832Kb) del decreto sostegni bis – legge 23 luglio 2021, n.

106.

CIRCOLARE INPS n. 115 (Pdf 236Kb) del 02-08-2021.

MESSAGGIO INPS n. 3050 (Pdf 181Kb) del 09-09-2021.

DECRETO-LEGISLATIVO 30 marzo 2001, n. 165 (Pdf 672Kb).

DECRETO-LEGISLATIVO 14 settembre 2015, n. 150 (Pdf 322Kb)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.