ENERGIA – Caro bollette e taglio degli oneri, conguagli per quelle già emesse: le novità del DL Sostegni ter sono già operative

Caro bollette e taglio degli oneri, conguagli
per quelle già emesse: novità del DL
Sostegni ter operative

Caro bollette e taglio degli oneri per le imprese: conguagli a stretto giro
per quelle già emesse. L’indicazione arriva dall’ARERA: con il
comunicato stampa del 1° febbraio, l’Autorità ha confermato
l’applicazione delle misure previste dal Decreto Sostegni ter fino al 31
marzo 2022
Caro bollette, l’azzeramento degli oneri per le medie e grandi imprese previsto
dal Decreto Sostegni ter diventa operativo: per le fattura già emesse si
procede con i conguagli a stretto giro. L’indicazione arriva dall’Autorità di
Regolazione per Energia Reti e Ambiente.
La notizia è contenuta nel comunicato stampa del 1° febbraio 2022 con cui
l’ARERA fa il punto delle misure per cittadini e imprese previste sia dall’ultimo
provvedimento emergenziale che dalla Legge di Bilancio per i primi tre mesi
dell’anno.
Caro bollette e taglio degli oneri, conguagli per quelle
già emesse: operative le novità del DL Sostegni ter
Nel caso in cui siano state già emesse fatture relative al periodo che va dal 1°
gennaio al 31 marzo 2022 alla data di entrata in vigore del provvedimento di
azzeramento degli oneri per le imprese oltre i 16,5 kW di potenza, si
procederà al conguaglio entro la seconda bolletta successiva.
A chiarire gli effetti delle nuove misure contro il caro bollette è l’ARERA. In
base a quanto stabilito dall’articolo 14 del DL n. 4 del 2022 vengono azzerati
per il primo trimestre 2022 gli oneri generali di sistema per tutte le
medie-grandi imprese con potenza pari o superiore a 16,5 kW.
Sulla traduzione delle novità dalla teoria alla pratica, inoltre, l’Autorità
specifica:
“Se l’offerta commerciale sottoscritta dal cliente non prevedesse l’applicazione
diretta delle componenti degli oneri generali (ASOS e ARIM), ciascun
venditore dovrà garantire al cliente una riduzione della spesa pari alla
differenza tra i valori delle aliquote degli oneri senza e con azzeramento”.
Caro bollette e taglio degli oneri, conguagli per quelle
già emesse: operative le novità del DL Sostegni ter
A beneficiare dell’azzeramento degli oneri per far fronte al caro bollette, e
degli eventuali conguagli, previsto dal Decreto Sostegni ter sono le utenze
con potenza pari o superiore a 16,5 kW anche connesse in media e
alta/altissima tensione o per usi di illuminazione pubblica o di ricarica di veicoli
elettrici in luoghi accessibili al pubblico.
La novità prevista dall’ultimo provvedimento emergenziale completa e integra
quanto già previsto dalla Legge di Bilancio sempre per i mesi di gennaio,
febbraio e marzo 2022 ma per altre categorie di beneficiari.
La Manovra, infatti, aveva già azzerato gli oneri generali di sistema nel primo
trimestre 2022 per i clienti domestici e le piccole imprese in bassa tensione,
quindi al di sotto dei 16,5 kW di potenza.
E non solo, il primo pacchetto di misure contro il caro bollette aveva previsto
già una serie di altri interventi:
● l’azzeramento degli oneri di sistema per il gas naturale per tutte le
utenze;
● l’applicazione dell’aliquota IVA al 5 per cento sul gas metano per le
bollette di gennaio, febbraio, marzo 2022;
● il potenziamento del bonus bollette legato all’ISEE;
● un piano di rateizzazione per le bollette non pagate che fanno
riferimento a fatture emesse tra il 1° gennaio e il 30 aprile 2022.
Le disposizioni del Decreto Sostegni ter, invece, sono arrivate a supporto delle
imprese, che tra i diversi interventi, ha previsto anche un credito di imposta
pari al 20 per cento delle spese sostenute per la componente energetica
acquistata ed effettivamente utilizzata nel primo trimestre 2022, per le imprese
a forte consumo di energia elettrica e i cui costi hanno subito un forte
incremento rispetto al 2019.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.