Dl Aiuti ter, via libera all’unanimità: prorogato il taglio delle accise della benzina, bonus di 150 euro per redditi fino 20mila euro

Dl Aiuti ter, via libera all’unanimità:
prorogato il taglio delle accise della
benzina, bonus di 150 euro per redditi fino
20mila euro


Draghi: “Aiuti a famiglie e imprese in complesso per 60 miliardi”.
Franco: “Il deficit resta al 5,6%”. Alle piccole imprese credito d’imposta
al 30% sulla luce
Il Consiglio dei ministri ha dato il via libera all’unanimità al decreto Aiuti ter.
Secondo il premier Mario Draghi, con i nuovi sostegni del governo sono
previsti “14 miliardi di euro per famiglie e imprese che si aggiungono ai quasi
50 nei mesi scorsi. Nel complesso un valore superiore a 60 miliardi di euro
pari a 3.5% del Pil. Quindi siamo tra i Paesi che hanno speso di più in
Europa”.
Come reso noto in conferenza stampa dal ministro dell’Economia, Daniele
Franco, il governo “stanzia 14 miliardi nel complesso”, che sommati a quelli
dei mesi scorsi diventano 66. “Per l’energia abbiamo dedicato 33 miliardi, con
i dieci di oggi diventano 43. L’indebitamento resta al 5,6%, indicato nella
Nadef e nel Def”. Le coperture del decreto derivano dalle maggiori entrate,
dalla razionalizzazione delle poste di bilancio e dal meccanismo di
compensazione applicato alle fonti rinnovabili.
Ok Cdm a regole per mappa concessioni, Lega vota contro – Il Consiglio
dei ministri ha approvato il decreto legislativo con le regole per avviare la
mappatura di tutte le concessioni pubbliche. I tre ministri della Lega, viene
riferito, hanno votato contro il provvedimento.
Contributo per costi energia terzo settore – Nel decreto Aiuti ter è previsto
un contributo straordinario per gli enti del Terzo Settore pari al 25% della
spesa sostenuta per l’acquisto della componente energetica effettivamente
utilizzata nel primo, secondo, terzo e quarto trimestre 2022, e a parziale
compensazione dei maggiori oneri effettivamente sostenuti per l’acquisto del
gas naturale, un eguale contributo straordinario pari al 25%, per quello
consumato nel primo, secondo, terzo e quarto trimestre 2022, per usi
energetici diversi dagli usi termoelettrici. Lo fa sapere il ministro del Lavoro,
Andrea Orlando, con una nota.
Cento milioni per autotrasporto, altri 100 per Tpl – Arrivano ulteriori 100
milioni di euro – che si aggiungono ai 40 milioni già stanziati con precedenti
provvedimenti – a favore delle aziende del Trasporto pubblico locale per i
maggiori costi sostenuti, nel terzo quadrimestre del 2022 rispetto allo stesso
periodo del 2021, per l’acquisto del carburante utilizzato nei mezzi per
effettuare il servizio. Come sottolinea il Mims, vengono stanziati anche 100
milioni per le imprese di autotrasporto per mitigare gli effetti dell’aumento dei
carburanti.
Proroga taglio accise carburanti fino a novembre – La riduzione delle
accise per benzina e gasolio sarà prorogata fino a tutto il mese di novembre.
Bonus 150 euro una tantum per redditi sotto 20mila – Il decreto prevede
un bonus una tantum di 150 euro per chi percepisce redditi inferiori a 20.000
euro lordi annui, compresi i pensionati (per una platea di 22 milioni di
persone).
A piccole imprese credito d’imposta 30% sulla luce – Aliquote del 40% per
gli energivori e del 30% per le imprese più piccole che impiegano energia
elettrica con una potenza dai 4,5 kw in su. E’ il nuovo credito d’imposta
rafforzato riconosciuto sull’elettricità dal dl Aiuti-ter. Lo spiega il ministero dello
Sviluppo economico sottolineando che passa cosi’ “la proposta del ministro
Giancarlo Giorgetti per concentrare tutte le risorse su ottobre e novembre per
un ristoro immediato e più consistente sul caro energia”. Raddoppiati quindi,
evidenzia il Mise, i benefici anche per gli impianti di risalita e per tutte le
attività produttive e commerciali non classificate come energivore.
Garanzia dello Stato sui prestiti a imprese in crisi – Il decreto prevede una
garanzia statale sui prestiti alle imprese in crisi di liquidità per il caro bollette,
con accordi da sviluppare con le banche per offrire i prestiti al tasso più basso,
in linea con il Btp. “Dal nostro punto di vista le garanzie sono immediatamente
operative”, ha detto il ministro Franco.
Altri 10 milioni per il bonus trasporti – Arrivano nuovi stanziamenti per il
bonus trasporti, il contributo da 60 euro per l’acquisto di abbonamenti ai
trasporti pubblici. In particolare, il Fondo nato con il primo decreto Aiuti è
incrementato di 10 milioni di euro per l’anno 2022. Il voucher, riconosciuto alle
persone con reddito annuo inferiore a 35mila euro, potrà essere richiesto fino
a dicembre. Secondo i dati del ministero del Lavoro, finora i bonus emessi
sono stati circa 730.000.
50 milioni per piscine e impianti sportivi – Arrivano contributi a fondo
perduto per 50 milioni di euro nel 2022 a favore di associazioni, società
sportive dilettantistiche e federazioni che gestiscono impianti sportivi e
piscine. Lo prevede la bozza del Dl Aiuti ter.
Quaranta milioni contro caro-bollette in cinema e teatri – Per “mitigare gli
effetti” dell’aumento dei costi di fornitura di energia elettrica e di gas sostenuti
da sale teatrali, sale da concerto, sale cinematografiche e istituti e luoghi della
cultura “è autorizzata la spesa di 40 milioni di euro per l’anno 2022. Con
decreto del ministro della cultura, da adottare entro trenta giorni dalla data di
entrata in vigore del presente decreto, sono definite le modalità di ripartizione
e assegnazione delle risorse di cui al primo periodo”.
Sale multa anti-delocalizzazioni – Il datore di lavoro che vuole delocalizzare
o chiudere la sua attività in assenza di crisi ha 90 giorni (e non più 30) per
presentare un piano per limitare le ricadute occupazionali ed economiche. E il
contributo che è tenuto a pagare “in caso di mancata sottoscrizione del piano
da parte delle organizzazioni sindacali” è “innalzato del 500 per 100”. E’
quanto si legge nella bozza del dl.
Arriva anche riforma istituti tecnici e professionali In linea con obiettivi –
C’è anche la riforma degli istituti tecnici e professionali nel decreto Aiuti ter.
Per quanto riguarda gli istituti tecnici, l’obiettivo (contenuto nel Pnrr) è quello di
adeguare i percorsi formativi “alle esigenze in termini di competenze del
settore produttivo nazionale, secondo gli obiettivi del Piano nazionale di
ripresa e resilienza”.
fonte: TGCOM 24

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.