Credito d’imposta prodotti riciclati economia circolare. Pubblicate le FAQ operative

Credito d’imposta prodotti riciclati economia
circolare. Pubblicate le FAQ operative

Il ministero della Transizione ecologica ha pubblicato le FAQ sul credito
d’imposta prodotti riciclati nell’ambito dell’economia circolare

di Andrea Amantea

Il ministero della Transizione ecologica ha pubblicato le FAQ sul credito
d’imposta prodotti riciclati nell’ambito dell’economia circolare. Agevolazione
riconosciuta dal D.L. 34/2019, decreto Crescita.
Gli aspetti analizzati sono diversi.
Ad esempio, in merito al soggetto legittimato a presentare la domanda di
agevolazione, l’accesso alla procedura informatica è riservato al
rappresentante legale dell’impresa, ovvero al titolare di reddito di lavoro
autonomo del richiedente.
Ecco principali chiarimenti forniti dal Ministero della Transizione ecologica.
Il credito d’imposta per l’acquisto e l’utilizzo di prodotti riciclati
L’art.26-ter del D.L. 34/2019, decreto Crescita, ha introdotto un credito
d’imposta in favore di imprese e professionisti che impiegano prodotti
riciclati.
Nello specifico, per le spese 2020, e’ riconosciuto, nel limite di 10.000 euro,
un contributo pari al 25 per cento del costo di acquisto di:
● semilavorati e prodotti finiti derivanti, per almeno il 75 per cento della
loro composizione, dal riciclaggio di rifiuti o di rottami;
● compost di qualità derivante dal trattamento della frazione organica
differenziata dei rifiuti.
Possono beneficiare del credito d’imposta le imprese e i titolari di redditi da
lavoro autonomo.
In Gazzetta Ufficiale, GU Serie Generale n.297 del 15-12-2021), è stato
pubblicato con forte ritardo, il decreto del Ministero della Transizione
ecologica con il quale sono state definite le disposizioni attuative del credito
d’imposta in parola.
Pubblicate le FAQ operative
A distanza di poco tempo dall’adozione del decreto, il ministero della
Transizione ecologica ha pubblicato le FAQ sul credito d’imposta prodotti
riciclati economia circolare.
Si riportano i principali chiarimenti.
Quali soggetti possono presentare istanza di accesso al
contributo?
Possono accedere al contributo previsto dal bando, le imprese e i soggetti
titolari di reddito di lavoro autonomo che impiegano nell’esercizio della loro
attività economica o professionale i semilavorati, i prodotti finiti, nonché il
compost di cui all’articolo 2, comma 1, del decreto 13 ottobre 2021, n. 415
acquistati nel corso dell’annualità 2020.
Quali sono i termini per la trasmissione della domanda di
accesso al contributo?
L’invio delle domande di accesso al contributo può essere effettuato,
utilizzando esclusivamente la procedura informatica accessibile al link
http://padigitale.invitalia.it dalle ore 12.00 del giorno 22 dicembre 2021 alle ore
12.00 del giorno 21 febbraio 2022.
Chi è il soggetto autorizzato all’inserimento della domanda
nella procedura informatica?
L’accesso alla procedura informatica è riservato al rappresentante legale
dell’impresa, ovvero dal titolare di reddito di lavoro autonomo richiedente.
Come si accede alla procedura informatica finalizzata alla
trasmissione delle domande di accesso al contributo?
Per accedere alla procedura informatica è necessario avere un’utenza SPID
(Sistema Pubblico di Identità Digitale) attiva. Nel caso non si disponga delle
credenziali di accesso consultare il sito https://www.spid.gov.it/richiedi-spid.
Per accedere alla procedura il soggetto proponente dovrà entrare nell’area
riservata eseguendo il login e quindi accedere alla sezione specifica relativa
alla misura “Bando prodotti riciclati”.

fonte: INVESTIRE OGGI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.