Costruzioni: +10,7% valore aggiunto rispetto pre-crisi. I trend dell’edilizia al centro del webinar del 13 dicembre

Costruzioni: +10,7% valore aggiunto rispetto pre-crisi. I trend dell’edilizia al centro del webinar del 13 dicembre

L’analisi dei conti nazionali dell’Istat pubblicati la scorsa settimana confermano che il comparto delle costruzioni è la locomotiva della ripresa 2021. Il valore aggiunto realizzato dalle costruzioni nei primi tre trimestri del 2021 sale del 10,7% rispetto allo stesso periodo del 2019, precedente allo scoppio della pandemia, risultando un tasso di recupero doppio rispetto al +5,7% registrato dai settori della digital economy. Recupero da completare per la manifattura (-2,3%), mentre si registra ancora un ritardo per i servizi (-9,8%), in particolare per le altre attività (-14,7%), che comprendono i settori maggiormente colpiti dalla recessione conseguente alla pandemia, come le attività artistiche, sportive, di intrattenimento e divertimento.

La ripresa trainata dalle costruzioni sarà esaminata nel report che l’Ufficio Studi presenterà nel corso della diretta streaming ‘Costruzioni, locomotiva della ripresa 2021’ organizzata da Aneapa-Confartigianato edilizia per lunedì prossimo, 13 dicembre alle ore 17. Nel report dell’Ufficio Studi saranno esaminate le tendenze di produzione e valore aggiunto del comparto, l’andamento degli indicatori chiave del mercato immobiliare, il trend dei lavori attivato da superbonus e dai bonus edilizi, la struttura imprenditoriale della filiera delle costruzioni, caratterizzata da una elevata vocazione artigiana, la specializzazione settoriale dei territori e l’andamento degli start-up d’impresa.

Un focus sarà dedicato alle dinamiche dei prezzi e all’effetto recessivo del caro-commodities associato alla scarsa disponibilità dei materiali.

Il comparto delle costruzioni è particolarmente esposto ai rischi di un anticipato ritorno a politiche monetarie restrittive causate da una accelerazione dell’inflazione, che potrebbe interrompere il recupero in corso dell’economia italiana.

Con la ripresa del mercato del lavoro dell’edilizia, sale la difficoltà di reperimento del personale specializzato; in salita anche la qualità della domanda di lavoro, caratterizzata da una richiesta crescente di e-skills per l’utilizzo di tecnologie digitali e di competenze orientate al green.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.