CIGS: in arrivo corsi di formazione per i lavoratori in cassa integrazione

CIGS: in arrivo corsi di formazione per i
lavoratori in cassa integrazione


CIGS, pubblicate sulla Gazzetta ufficiale n. 227 del 28 settembre 2022 le
regole per l’attuazione dei percorsi formativi e di riqualificazione
professionale per i lavoratori beneficiari di trattamenti di integrazione
salariale straordinari. I progetti prevedono lo sviluppo di competenze per
agevolare il riassorbimento lavorativo o migliorare l’occupabilità. Le
attività formative possono essere finanziate anche da fondi paritetici
interprofessionali.
CIGS, i lavoratori beneficiari dei trattamenti di integrazione salariale
straordinaria dovranno partecipare nei casi in cui è previsto ad attività
formative e di riqualificazione professionale.
Il decreto del Ministero del Lavoro del 2 agosto 2022 è stato pubblicato sulla
Gazzetta ufficiale n. 227 del 28 settembre e stabilisce le regole per
l’attuazione delle iniziative di carattere formativo.
I progetti hanno l’obiettivo di individuare i fabbisogni di nuove o maggiori
competenze per i periodi di riduzione o sospensione dell’attività. Prevedono,
inoltre, lo sviluppo di capacità per facilitare il riassorbimento lavorativo oppure
incrementare l’occupabilità in caso di licenziamento o ricollocazione.
Per il completamento del percorso verrà rilasciato un apposito attestato che
certifica i risultati ottenuti.
Le attività possono essere cofinanziate dalle Regioni nell’ambito delle misure
di formazione e politica attiva del lavoro e dai fondi paritetici interprofessionali.
CIGS: in arrivo corsi di formazione per i lavoratori in cassa
integrazione
Arriva l’ufficialità per le regole che disciplinano le modalità di attuazione delle
attività formative previste per i lavoratori beneficiari della cassa integrazione
guadagni straordinaria, CIGS, e delle altre integrazioni salariali straordinarie
(titolo II del Dlgs n. 148/2015).
Il decreto del Ministero del Lavoro che le stabilisce è stato pubblicato sulla
Gazzetta ufficiale n. 227 del 28 settembre 2022.
Tutti i lavoratori che beneficiano di trattamenti integrazione salariale
straordinaria, infatti, dovranno partecipare ad attività di formazione e
riqualificazione professionale.
I lavoratori saranno tenuti alla frequenza in tutti i casi in cui questa è prevista
dalla legge, nel caso in cui sia stata pattuita nel verbale di accordo sindacale
dopo la procedura di consultazione oppure nell’ambito delle procedure
sindacali che consentono l’accesso all’assegno di integrazione salariale
previsto dai Fondi di solidarietà specificati dal Dlgs n. 148/2015.
L’obiettivo è quello di mantenere o sviluppare le competenze durante il
periodo di sospensione o riduzione dell’attività lavorativa, anche nell’ottica
della domanda di lavoro espressa dal mercato.
Nello specifico, i progetti formativi o di riqualificazione professionale devono
individuare i fabbisogni legati al periodo di riduzione/sospensione dell’attività
dei lavoratori.
Questi percorsi possono portare anche al conseguimento di una qualificazione
di livello EQF 3 o 4, secondo il Quadro Europeo delle Qualifiche, cioè il
sistema a livelli (da 1 a 8) permette di identificare in modo univoco il grado di
approfondimento ottenuto in un determinato ambito.
Inoltre, i progetti devono prevedere anche lo sviluppo di competenze che
possano agevolare il riassorbimento nella realtà aziendale di provenienza e
aumentare l’occupabilità dei lavoratori, nel caso di licenziamento o
ricollocazione.
Pertanto, i progetti formativi o di riqualificazione devono prevedere:
● le esigenze formative legate all’intervento dell’integrazione salariale
straordinaria per la ripresa ordinaria dell’attività;
● le modalità di valorizzazione delle competenze possedute dal lavoratore
anche attraverso servizi di individualizzazione o validazione delle
competenze;
● le modalità di personalizzazione dei percorsi di apprendimento, sulla
base della valutazione in ingresso.
Al completamento delle attività sarà rilasciata un’apposito attestato che
certifichi i risultati ottenuti.
CIGS: le attività di formazione possono essere finanziate anche da
fondi paritetici interprofessionali
Le attività formative e di riqualificazione professionale possono essere
cofinanziate dalle Regioni secondo quanto previsto dalle rispettive misure in
ambito di formazione e politica attiva del lavoro.
Allo stesso modo, i percorsi di formazione possono essere finanziati dai fondi
paritetici interprofessionali, come stabilito al comma 1 dell’art. 25 ter del
Dlgs n. 148/2015.
Si tratta di organismi istituiti per finanziare gli interventi di formazione continua
dei lavoratori delle aziende che scelgono di aderirvi.
Sono finanziati con lo 0,30 per cento del contributo integrativo versato dai
datori di lavoro all’INPS per l’assicurazione obbligatoria contro la
disoccupazione involontaria.
I fondi in questione possono finanziare attività formative sul Conto individuale
o sul Conto formazione, oppure pubblicando avvisi per la concessione di
finanziamenti sul Conto collettivo o di sistema.
fonte: INFORMAZIONE FISCALE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.