CARO BOLLETTE – Credito d’imposta anche alle imprese più piccole: le novità del DL Aiuti ter

Bollette, credito d’imposta anche alle
imprese più piccole: le novità del DL
Aiuti ter


di Anna Maria D’Andrea – IMPOSTE
Credito d’imposta per le bollette anche alle imprese più piccole, dai
bar fino ai ristoranti: il Decreto Aiuti ter estende l’agevolazione
anche ai contatori con potenza da 4,5 kW. In parallelo è confermata
la proroga degli aiuti già previsti per il terzo trimestre
Bollette, confermato il credito d’imposta anche alle imprese di dimensioni
minori, come bar, ristoranti e piccoli artigiani.
Il testo del Decreto Aiuti ter pubblicato in Gazzetta Ufficiale del 23 settembre
2022 estende i crediti d’imposta alle imprese con contatori di potenza pari
almeno a 4,5 kW, aumentando inoltre il valore dei crediti d’imposta già
previsti.
I nuovi beneficiari avranno diritto ad un rimborso fiscale pari al 30 per cento,
mentre per energivori e gasivori il bonus passa dal 25 al 40 per cento.
Alle imprese spetterà il compito di dimostrare i maggiori costi sostenuti e, in
ogni caso, le nuove agevolazioni saranno riconosciute per i mesi di ottobre e
novembre 2022. Resta per il momento scoperto l’ultimo mese dell’anno.
Bollette, credito d’imposta anche alle imprese più piccole: le
novità del DL Aiuti ter
Alle imprese con contatori di energia elettrica di potenza pari o superiore a 4,5
kW per i mesi di ottobre e novembre sarà riconosciuto un credito d’imposta
pari al 30 per cento della spesa sostenuta per l’acquisto della componente
energetica effettivamente utilizzata.
L’ammontare del bonus bollette spettante alle imprese più piccole sarà
calcolato sulla base di quanto riportato nelle fatture d’acquisto e, così come
previsto per i precedenti crediti d’imposta, spetterà provare di aver subito un
rincaro nella spesa.
Il Decreto Aiuti ter prevede che il diritto a beneficiare del credito d’imposta
scatti qualora il prezzo dell’energia, calcolato sulla base della media riferita al
terzo trimestre 2022, sia aumentato almeno almeno del 30 per cento rispetto
allo stesso periodo del 2019.
L’aumento del prezzo e quindi dei costi a carico delle piccole imprese, inclusi
bar e ristoranti, sarà quindi uno dei fattori che determinerà chi può o meno
accedere al bonus bollette.
Per l’utilizzo dei crediti d’imposta le imprese che si riforniscono dallo stesso
venditore dell’ultimo trimestre 2019 potranno richiedere il calcolo dell’aumento
del costo della componente energetica registrato, così come l’importo del
credito d’imposta spettante per i mesi di ottobre e novembre 2022.
A definire il contenuto della comunicazione da trasmettere al fornitore sarà
l’ARERA, entro 10 giorni dalla data in vigore della legge di conversione del
Decreto Aiuti ter.
Bonus bollette, aumenta il valore dei crediti d’imposta di ottobre e
novembre 2022
Accanto al nuovo contributo straordinario per le imprese con contatori di
potenza pari almeno a 4,5 kW, il Decreto Aiuti ter potenzia i crediti d’imposta
già previsti.
Per quel che riguarda i consumi di gas, il credito d’imposta per i mesi di
ottobre e novembre sarà riconosciuto nella misura del 40 per cento della
spesa sostenuta. Anche in tal caso resta il parametro del 30 per cento
dell’aumento del prezzo di riferimento nel terzo trimestre rispetto allo stesso
periodo del 2019.
Per le imprese a forte consumo di energia elettrica e gas il Decreto Aiuti ter
porta al 40 per cento il valore dei crediti d’imposta riconosciuti per i mesi di
ottobre e novembre.
Crediti d’imposta luce e gas in compensazione o con cessione del
credito
Tutti i crediti d’imposta riconosciuti alle imprese potranno essere utilizzati
esclusivamente in compensazione entro la scadenza del 31 marzo 2023.
Il Decreto Aiuti ter prevede inoltre la proroga, alla stessa data, del termine per
l’utilizzo dei crediti d’imposta relativi al terzo trimestre, prima fissato al 31
dicembre 2022.
In alternativa sarà possibile cedere i crediti ad altri soggetti. Il meccanismo è
simile a quello previsto per i bonus edilizi: i crediti sono cedibili per intero, e gli
acquirenti non potranno trasferirli ulteriormente.
Resta la possibilità di due ulteriori cessioni ma solo in favore di banche e
intermediari finanziari, società appartenenti a un gruppo bancario ovvero
imprese di assicurazione autorizzate ad operare in Italia.
In caso di cessione del credito le imprese beneficiarie saranno tenute a
richiedere il visto di conformità dei dati relativi alla documentazione che
attesta la sussistenza dei presupposti che danno diritto all’agevolazione.
A definire le regole operative sarà in ogni caso l’Agenzia delle Entrate.
Comunicazione del credito d’imposta 2022 all’Agenzia delle
Entrate
Entro il 16 febbraio 2023 i beneficiari dei nuovi crediti d’imposta sui consumi di
luce e gas così come delle somme riconosciute dal Decreto Aiuti bis saranno
tenuti a trasmettere un’apposita comunicazione telematica all’Agenzia
delle Entrate.
Nella comunicazione bisognerà indicare l’importo del credito maturato
nell’esercizio 2022 e le istruzioni operative saranno fornite dall’Agenzia delle
Entrate.
Entro 30 giorni dall’entrata in vigore del Decreto Aiuti ter sarà quindi emanato
un apposito provvedimento relativo a contenuto e modalità di presentazione
della comunicazione per il bonus energia, che fornirà le istruzioni dettagliate
sull’adempimento.
In caso di omesso invio alle imprese destinatarie dell’agevolazione verrà
revocato il diritto a fruire del credito d’imposta non ancora utilizzato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.