Bonus prima casa under 36, agevolazioni anche per l’acquisto dell’abitazione all’asta

Bonus prima casa under 36, agevolazioni
anche per l’acquisto dell’abitazione all’asta

di Rosy D’Elia –

IMPOSTE DI REGISTRO, IPOTECARIE E CATASTALI
Bonus prima casa under 36, agevolazioni anche per l’acquisto
dell’abitazione all’asta.

Lo chiarisce l’Agenzia delle Entrate con la
risposta all’interpello numero 808 del 13 dicembre 2021 con cui si
sofferma anche sulle istruzioni che riguardano le dichiarazioni sul
possesso dei requisiti.
È possibile beneficiare del bonus prima casa under 36 anche in caso di
acquisto dell’abitazione all’asta. Non rappresenta un ostacolo.
Lo chiarisce l’Agenzia delle Entrate ponendosi in linea di continuità con le
regole di accesso alle agevolazioni canoniche non legate al requisito
anagrafico.
Come di consueto, lo spunto per fare luce sul tema con la risposta
all’interpello numero 808 del 13 dicembre 2021, arriva dall’analisi di un caso
pratico.
Bonus prima casa under 36, agevolazioni anche per
l’acquisto dell’abitazione all’asta
Protagonista è un contribuente che sta per comprare un immobile all’asta e
vorrebbe usufruire delle agevolazioni previste dal bonus casa under 36
introdotto dall’articolo 64 del Decreto Sostegni bis.
In presenza dei requisiti anagrafici e di un ISEE non superiore a 40.000 euro
annui, è possibile beneficiare di una esenzione dalle imposte di registro e
ipotecaria e catastale e di un credito d’imposta di ammontare pari all’imposta
sul valore aggiunto corrisposta in relazione all’acquisto, per gli atti di
trasferimento della proprietà.
Il cittadino si rivolge all’Agenzia delle Entrate per verificare la possibilità di
usufruire dell’esenzione anche in caso di acquisto tramite asta.
Con la risposta all’interpello numero 808 del 13 dicembre 2021, arriva
il via libera alla fruizione del bonus prima casa under 36 anche in caso di
acquisto all’asta:
“Le agevolazioni previste dal citato articolo 64 trovano applicazione anche
nelle ipotesi in cui il diritto sull’immobile si acquisisce per effetto di un decreto
di trasferimento emesso all’esito di un procedimento giudiziale”.
Con queste parole, che fanno riferimento a quanto già chiarito dalla circolare
numero 12 del 14 ottobre 2021, il documento spazza via ogni dubbio.
Bonus prima casa under 36 per anche per l’acquisto all’asta:
le istruzioni sulla dichiarazione dei requisiti
Il parere positivo dell’Agenzia delle Entrate sulla possibilità di accedere alle
agevolazioni per i cittadini under 36, anche se si acquista l’immobile all’asta, si
pone in linea di continuità con il canonico bonus prima casa.
I benefici, non legati al requisito anagrafico e previsti dalla Nota II-bis,
all’articolo 1 della Tariffa, Parte I, allegata al d.P.R. 26 aprile 1986, n.
131, possono essere richiesti anche nelle ipotesi di trasferimento immobiliare
tramite un provvedimento giudiziale.
Ci sono, però, precise istruzioni da seguire, ricorda l’Amministrazione
finanziaria nella risposta all’interpello numero 808 del 13 dicembre 2021.
“Le dichiarazioni relative alla sussistenza dei requisiti per l’agevolazione in
commento sono rese dalla parte interessata, generalmente, nelle more del
giudizio, affinché le stesse possano risultare nel provvedimento medesimo”.
Anche in un secondo momento è possibile rendere le dichiarazioni a patto,
però, che si proceda prima della registrazione dell’atto giudiziale.
Tutti i dettagli sono contenuti nel testo integrale della risposta all’interpello
numero 808 del 13 dicembre 2021, allegata in formato pdf alla
presente NEWSLETTWER.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.