BONUS ED INCENTIVI – Fondo Garanzia PMI Turismo per il rilancio del settore: domanda 2022

Fondo Garanzia PMI Turismo per il rilancio
del settore: domanda 2022


La guida su come funziona e cosa offre la riserva del Fondo MISE per il
settore turistico
Domande dal 10 ottobre per accedere al Fondo di garanzia per le PMI del
turismo. Sul piatto garanzie a titolo gratuito su finanziamenti fino a 5 milioni di
euro per ogni singola impresa.
Diviene così disponibile la “Sezione speciale Turismo” del Fondo Garanzia
PMI, lo strumento del MISE per supportare le imprese che con 385 milioni di
euro servirà a rilanciare esclusivamente il settore turistico.
In questa guida vi spieghiamo come funziona il Fondo di garanzia per le
PMI del turismo, a chi è dedicato e come presentare domanda per ottenere
le agevolazioni.
FONDO DI GARANZIA PER LE PMI DEL TURISMO, COS’È
Il Fondo di garanzia per le PMI del turismo è la “Sezione speciale turismo”
del fondo MISE dedicata alle piccole e medie imprese del comparto turistico, o
reti di imprese, che vogliono chiedere garanzie sui finanziamenti per
l’innovazione e la transizione green. Si tratta di una riserva finanziaria
istituita dal Decreto Recovery che fornisce a garanzie a titolo gratuito, fino a
5 milioni di euro per ogni singola attività. La dotazione finanziaria è pari a 358
milioni di euro sino al 2025 di cui metà riservata ad investimenti green. La
misura rientra negli obiettivi del PNRR, misura M1C3.4 (Turismo 4.0),
investimento 4.2 – Fondi integrati per la competitività delle imprese turistiche
ed è disciplinata dall’accordo interministeriale 11 febbraio 2022 sul Fondo
di Garanzia PMI. Ma vediamo a chi si rivolge il Fondo di garanzia per le PMI
del settore turistico e come presentare richiesta di accesso alle agevolazioni.
A CHI SI RIVOLGE
Il Fondo di garanzia per le PMI del turismo si rivolge a:
● imprese alberghiere;
● strutture che svolgono attività agrituristica, come definita dalla
Legge 20 febbraio 2006, n. 96, e dalle pertinenti norme regionali;
● imprese del comparto turistico, ricreativo, fieristico e
congressuale, compresi gli stabilimenti balneari, i complessi termali, i
porti turistici, i parchi tematici;
● strutture ricettive all’aria aperta;
● giovani fino a 35 anni di età che intendono avviare un’attività nel
settore turistico con i codici ATECO 2007 presenti in questo elenco.
Sono inoltre ammesse alla garanzia le imprese con un numero di dipendenti
non superiore a 499, ma possono accedervi anche reti d’imprese.
COSA FINANZIA IL FONDO GARANZIA PMI DEL TURISMO
Il Fondo in questione offre garanzie gratuite per le PMI turistiche che chiedono
prestiti per investire nelle proprie strutture. Le garanzie possono essere
rilasciate su singoli finanziamenti o su portafogli di finanziamenti
finalizzati a:
● interventi di riqualificazione energetica e innovazione digitale, nel
rispetto del principio del principio “non arrecare un danno significativo”
di cui alla Comunicazione della Commissione europea 2021/C58/01;
● assicurare la continuità aziendale delle imprese del settore
turistico;
● garantire il fabbisogno di liquidità e gli investimenti del settore.
La garanzia può essere richiesta anche su operazioni finanziarie già
perfezionate con l’erogazione da parte del soggetto finanziatore da non oltre
3 mesi. In questi casi, il soggetto finanziatore deve trasmettere al Fondo una
dichiarazione attestante la riduzione del tasso di interesse applicato al
soggetto beneficiario per effetto della concessione della garanzia.
Sono ammissibili, inoltre, i finanziamenti a fronte di operazioni di
rinegoziazione del debito del soggetto beneficiario, a condizione che:
● il nuovo finanziamento preveda l’erogazione al medesimo soggetto
beneficiario di credito aggiuntivo in misura pari ad almeno il 25%
dell’importo del debito accordato relativamente al finanziamento oggetto
di rinegoziazione;
● il rilascio della garanzia sia idoneo a determinare un minor costo o
una maggior durata del finanziamento rispetto a quello oggetto di
rinegoziazione.
INVESTIMENTI AMMESSI
Per avere accesso alle garanzie a titolo gratuito, gli investimenti finali
ammessi sono quelli che vanno a finanziare:
● la creazione, riconversione, ammodernamento e riqualificazione
delle infrastrutture turistiche destinate alla fruizione del patrimonio
naturale e culturale, al turismo invernale, al turismo d’affari e al turismo
congressistico;
● la mobilità pulita o sostenibile e infrastrutture di trasporto per
facilitare la mobilità turistica e l’accessibilità ai siti;
● gli investimenti in strumenti digitali per la gestione di prodotti e
servizi a costi più bassi.
A QUANTO AMMONTANO LE GARANZIE
La garanzia del Fondo per le PMI del turismo è concessa a titolo gratuito ma,
l’importo massimo garantito per singola impresa è pari a 5 milioni di euro. In
particolare:
● la percentuale di copertura della garanzia diretta è fissata nella
misura massima del 70% dell’ammontare di ciascuna operazione
finanziaria;
● la percentuale di copertura della riassicurazione è fissata nella
misura massima dell’80% dell’importo garantito dai confidi o da altro
fondo di garanzia, a condizione che le garanzie da questi rilasciate non
superino la copertura dell’80%. Per riassicurazione si intende la
procedura per cui chi fa il prestito si libera di parte del rischio assunto
dai propri clienti, trasferendolo a sua volta a “un assicuratore” di
secondo livello;
● tali percentuali di copertura della garanzia diretta e della
riassicurazione possono essere incrementate rispettivamente fino
all’80% e al 90%, mediante l’utilizzo dei contributi al Fondo, previsti dal
Decreto del 26 gennaio 2012, ovvero il cosiddetto Decreto Fund
Rising, e successivi.
Non è dovuta la commissione per il mancato perfezionamento delle operazioni
finanziarie. Inoltre, per le operazioni di investimento immobiliare la garanzia
può essere cumulata con altre forme di garanzia acquisite sui
finanziamenti.
COME FUNZIONA IL FONDO DI GARANZIA PMI TURISMO
Il Fondo di garanzia per le PMI del turismo (Sezione speciale turismo)
funziona a:
● garanzia diretta, ossia rilasciando la garanzia sul portafoglio di
finanziamenti in favore del soggetto finanziatore, responsabile
dell’erogazione dei finanziamenti ai soggetti beneficiari e della
strutturazione e gestione del portafoglio di finanziamenti;
● controgaranzia, ossia rilasciando la garanzia in favore di un confidi,
garante del soggetto finanziatore, con il quale il confidi medesimo
collabora per la strutturazione e gestione del portafoglio di
finanziamenti.
L’intervento si attua attraverso il rilascio di una garanzia a copertura di una
quota non superiore all’80% della tranche minore del portafoglio di
finanziamenti, fino a un limite massimo di intervento:
● del 7,0% dell’ammontare del portafoglio di finanziamenti;
● dell’8,0% dell’ammontare del portafoglio di finanziamenti, nel caso in
cui il portafoglio abbia ad oggetto finanziamenti concessi a fronte della
realizzazione di progetti di ricerca, sviluppo e innovazione o di
programmi di investimenti.
La concessione delle garanzie avviene sulla base di una procedura di
valutazione delle imprese turistiche e dei finanziamenti o portafogli di
finanziamenti ammissibili. La procedura dovrà individuare almeno 11800
imprese turistiche e verificare che i progetti di finanziamento presentati
rispettino le linee guida del PNRR e quelle tecniche specificate nell’accordo
interministeriale 11 febbraio 2022.
COME ACCEDERE AL FONDO DI GARANZIA PMI TURISMO
Dal 10 ottobre 2022, come comunicato in questo avviso del Ministero del
Turismo, è possibile presentare domanda per accedere al Fondo. Non è stata
ancora resa nota quale deve essere la procedura da seguire per presentare
istanza. A partire dal 7 ottobre 2022 verrà fornita l’informativa sull’avvio
dell’operatività della “Sezione speciale turismo” sulla pagina istituzionale del
sito del Ministero dello Sviluppo Economico, su cui vi aggiorneremo.
OBIETTIVI DEL FONDO
Gli obiettivi del Fondo sono quelli della relativa misura M1C3.4 (Turismo 4.0),
investimento 4.2 – “Fondi integrati per la competitività delle imprese
turistiche”, ovvero:
● rafforzare la resilienza dell’industria turistica finanziando progetti di
impresa volti a qualificare la dotazione infrastrutturale;
● sviluppare forme di turismo funzionali alla conservazione ed alla cura
dell’ambiente.
RIFERIMENTI NORMATIVI
Accordo interministeriale 11 febbraio 2022 sul Fondo di Garanzia PMI
(Pdf 555 Kb);
Testo Coordinato del Decreto Legge 6 novembre 2021, n. 152 (Pdf 1 Mb)
pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale Serie Generale n.310 del 31-12-2021 –
Suppl. Ordinario n. 48.
ALTRI AIUTI PER IL TURISMO
Vi consigliamo di leggere anche i seguenti articoli sul settore turistico:
● la guida al Bonus IMU imprese turistiche;
● la guida sui finanziamenti europei per il turismo;
● il vademecum sull’Esonero contributivo per turismo e terme nel
2022;
● l’articolo sul Contributi fondo perduto turismo sostenibile 2022;
● la guida sui finanziamenti per il Turismo accessibile per i disabili.
Per maggiori informazioni vi consigliamo di leggere anche la guida ai
contributi a fondo perduto 2022 in continuo aggiornamento che spiega tutte
le agevolazioni accessibili per le imprese e i cittadini, nonché quella su tutti i
finanziamenti agevolati per le imprese attivi in Italia nel 2022.
fonte: ti consiglio un lavoro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.