AUTOTRASPORTO – BONUS GASOLIO – Ancora caos su piattaforma per credito d’imposta ad imprese di autotrasporto. Confartigianato: “Adesso basta! Bloccate tutto e riaprite quando sarà a posto”

BONUS GASOLIO – Ancora caos su piattaforma per credito d’imposta ad imprese di autotrasporto. Confartigianato: “Adesso basta! Bloccate tutto e riaprite quando sarà a posto”

Non si placa  il caos sulla piattaforma on-line per la presentazione delle domande relative al credito d’imposta del 28%, cosiddetto “bonus gasolio”, da parte delle imprese di Autotrasporto.

“Come già sottolineato in più occasioni – affermano Giorgio Buini – Presidente di Confartigianato Imprese di Perugia – e Stelvio Gauzzi – Segretario  della stessa Associazione –  la Confartigianato Imprese di Perugia denuncia il blocco della operatività della piattaforma a causa di continue richieste di manutenzione causate da continui problemi di funzionamento”.

“Stante ciò – continuano Buini e Gauzzi –   gli imprenditori sono sul piede di guerra, impossibilitati a richiedere gli sgravi a loro destinati. Solo nella tarda serata di venerdì 23 settembre, è infine arrivata la laconica comunicazione ufficiale sul portale: “A seguito di aggiornamenti della sezione di visualizzazione dello stato dell’istanza del portale, che si protrarranno fino al 28 settembre 2022, si invitano gli utenti a non richiederne la visualizzazione. Le scadenze sono di conseguenza prorogate sino a nuova comunicazione. Il portale è comunque operativo nella sezione d’inserimento di nuove istanze”.

“Negli ultimi giorni molti Commercialisti e tantissimi Autotrasportatori ci hanno contattato infuriati. E’ inconcepibile che non si riesca a partire con un servizio digitalizzato con l’ottimizzazione completa delle procedure on-line, quando nel frattempo si avvicinano le scadenze fiscali.

Scadenze fiscali per le quali le imprese di autotrasporto merci conto terzi avevano fatto conto di poter utilizzare le somme derivanti dall’ottenimento del credito d’imposta al 28% per quanto pagato sull’acquisto di gasolio ai prezzi folli di questi ultimi tempi.

Viene da chiedersi quali sarebbero le conseguenze, da parte delle agenzie fiscali, se fossero le imprese a ritardare pagamenti, adempimenti e incombenze come sta accadendo in questa grottesca vicenda che riguarda il portale dell’Agenzia delle Dogane dedicato al bonus gasolio. Accetterebbero magnanimamente giustificazioni e scuse a fronte di ritardi e rinvii? Non pensiamo proprio”.

“Confartigianato chiede serietà e rispetto nei confronti delle imprese che stanno impazzendo per esercitare un loro diritto – concludono Buini e Gauzzi.

La nostra Confederazione ha richiesto ed ottenuto che, quanto meno, la piattaforma avvisi dello stato di manutenzione. Inoltre, ha richiesto che siano allungati i tempi di funzionamento del portale ben oltre la data del 19 ottobre, perché non è certo responsabilità degli autotrasportatori se continui problemi tecnici stiano bloccando tutto, a singhiozzo, da almeno una settimana. Confartigianato chiede precisione e risposte chiare per definire le eventuali anomalie riscontrate negli inserimenti delle richieste, inoltre, chiediamo che la piattaforma sospenda la propria operatività fino a quando tutti i problemi non saranno stati risolti definitivamente. Così non si può più continuare”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.