ANALISI E COMMENTI – Scarpe ecosostenibili: come produrre calzature ecologiche e circolari

Scarpe ecosostenibili: come produrre
calzature ecologiche e circolari


Si parla tanto di impronta ambientale dei prodotti, ma vi siete mai chiesti
qual è l’impronta ambientale delle scarpe? Quanto inquinano le nostre
calzature e quali sono le iniziative per renderle più ecosostenibili?
di Ludovica Nati
Quando parliamo del nostro impatto sul Pianeta, spesso usiamo l’espressione
di impronta (ambientale), cercando – si spera – con i nostri comportamenti
virtuosi di renderla sempre più leggera. Per questo, a proposito di orme, oggi
vi parliamo di scarpe ecosostenibili.
Le diamo forse per scontate, ne abbiamo solitamente più paia di quelle che
realmente utilizziamo e alcune spesso giacciono in fondo all’armadio o in
soffitta dimenticate. Pensate che nel 2019 si stima ne siano state prodotte
oltre 24 miliardi di paia (20 miliardi nel 2020, anno del lockdown, fonte:
Statista).
Tutto ciò che impatto ha? Secondo i dati pubblicati da Quantis nel report,
“Measuring Fashion: Insights from the Environmental Impact of the Global
Apparel and Footwear Industries study”, l’industria calzaturiera è responsabile
da sola dell’1,4% delle emissioni globali di gas serra, pari a 700 milioni di
tonnellate di CO2 equivalente. Oltre il 60% delle emissioni proviene da due
fasi: estrazione delle materie prime e produzione.
Come rendere le scarpe più ecosostenibili e ridurre l’impatto
ambientale del settore calzaturiero
Nello studio di Quantis – focalizzato su abbigliamento e settore calzaturiero –
si riportano una serie di raccomandazioni per ridurre l’impatto ambientale
di tali industrie. Considerato che una parte significativa dell’impatto climatico
del ciclo di vita della moda è legato all’energia utilizzata – specie in Asia –
attraverso l’impiego di gas e carbone, si sottolinea come una strada
fondamentale sia la riduzione dalla dipendenza delle fonti fossili
massimizzando l’efficienza energetica – anche grazie alla digitalizzazione che
contribuirebbe, inoltre, alla riduzione di sprechi e quindi di consumo di materie
prime – e puntando sulle rinnovabili.
Dal lato della domanda si sottolineano i cambiamenti di modelli culturali come
il favorire forme di noleggio o di take-back (ovvero il ritiro per riciclo o
riutilizzo). Altri aspetti che vengono sottolineati sono la scelta di materiali più
sostenibili, come fibre ecocompatibili – ad esempio quelle da agricoltura
biologica – “materiali emergenti che utilizzano processi a minore intensità
energetica e fibre riciclate disponibili grazie a nuovi processi di riciclo
chimico”. Svolgendo il tutto in sistemi di produzione che si ispirino ai principi di
economia circolare – riducendo i fenomeni di fast fashion, ovvero di scarpe
realizzate non di certo per durare né per essere in qualche modo riciclate –
perché le materie prime seconde, una volta raccolte, possano tornare a nuova
vita.
Qualcosa però ha già iniziato a muoversi e oggi in commercio esistono
sempre più marchi che cercano di ideare linee di scarpe ecosostenibili anche
per ciò che riguarda le calzature. Come riconoscerle? Quali sono? Ne
esistono di “circolari”? Ecco alcune idee che possono aiutare per acquisti più
consapevoli e informati anche per ciò che mettiamo ai piedi!
Leggi anche: Che fai, butti le scarpe? Arriva il nuovo modello che
punta al riciclo
Le scarpe disassemblabili
Quante volte avete provato la delusione di trovarvi con una scarpa che si
rompe proprio quando non dovrebbe e magari per la quale il calzolaio vi ha
detto che c’era poco da fare se non il buttarla? Immaginiamo che abbia
pensato a questo il designer industriale Diogo Pimenta che ha recentemente
lanciato delle sneakers modulari!
Le “Layers” sono scarpe realizzate in Portogallo, pensate per durare – ovvero
avere una vita del prodotto mediamente più lunga -, personalizzate e…
disassemblabili. Questa particolarità consente di montare e smontare le
diverse componenti rendendo più facile la manutenzione, ma anche eventuali
modifiche o il riciclo, rendendo queste scarpe più ecocostenibili.
Parlando di disassemblabilità vi raccontiamo anche il lavoro che sta portando
avanti la Nike, che lavora per una progettazione sostenibile delle calzature,
con la collezione di scarpe da ginnastica modulari e facilmente smontabili
ISPA (Improvise Scavenge Protect Adapt). Al posto della colla così trovano
spazio sistemi di design modulari ad incastro ma non solo. La linea produttiva
delle ISPA consente di produrre scarpe a minor impatto ambientale anche per
il fatto di aver eliminato i processi “ad alta intensità energetica come i tunnel di
riscaldamento e raffreddamento e le linee di colla”.
Per capire quanto queste innovazioni siano importanti, pensate che una
sneaker può essere composta anche da 30 diversi materiali, mentre uno
scarpone da trekking può arrivare a 100! Più complessa è una scarpa, tanto
più difficile sarà ipotizzare di smontare (riparare) o riciclare le sue componenti.
Per questo spesso le calzature hanno come fine vita la discarica. Un modello
disassemblabile e realizzato con poche componenti può essere più facilmente
riparato – ad esempio sostituendo la parte usurata – o riciclato.
Leggi anche: Nell’ex paese delle scarpe le Re-Born Shoes riciclano
anche i copertoni
Le stampanti 3D che realizzano scarpe in TPE
Se vi diciamo “stampanti 3D” che oggetti immaginate possano venir realizzati?
Questa tecnologia oggi consente di far prendere forma a una infinità di beni.
Dal concorso di idee lanciato dal produttore di stampanti 3D Sintratec è nata
quella per la scarpa Earth Moc, progettata da Daniel Shirley per gli amanti
dell’escursionismo. Leggera e comoda adatta anche per le escursioni “light”,
tra le proprie particolarità possiede il fatto di essere realizzata in TPE
flessibile, un unico materiale e quindi, potenzialmente, anche riciclabile.
Scarpe 2.0: le calzature che danno una nuova vita ai materiali
Se avete sempre in testa l’economia circolare, sarà il caso anche di portarla ai
piedi! In questo caso potreste pensare di scoprire le scarpe realizzate da
RE49, studiate per “ridurre al minimo gli sprechi e dare una nuova vita ai
materiali di scarto convertendoli in scarpe che sono ecsostenibili dall’inizio alla
fine”, come si legge sul loro portale. L’azienda nasce nel 1949 ed è stata
successivamente riconvertita per realizzare calzature circolari. Così oggi tutti i
componenti delle calzature RE49 sono riciclati e l’azienda punta ad essere ad
emissioni nette zero. Tra le qualità sottolineate dal brand vi è quella di aver
ottenuto le certificazioni cruelty free e di consentire la tracciabilità dei prodotti
grazie alla blockchain. Tra i materiali che rivivono sotto forma di sneakers si
trovano anche tessuti insospettabili come quelli degli ombrelloni e delle sdraio
o le vele delle barche, oltre che il classico e intramontabile jeans o gli
pneumatici, ideali per le suole delle scarpe.
Se invece ai piedi volete avere… l’oceano, potreste propendere per le Adidas
X Parley, ovvero le sneakers nate dalla collaborazione tra il famoso brand di
abbigliamento sportivo e l’organizzazione ambientalista Parley for the
Oceans. L’”ingrediente” principale delle scarpe da ginnastica? La plastica
ripescata dai mari attraverso la quale è stato realizzato un filato impiegato per
la produzione delle iconiche scarpe.
Tra i tanti brand sempre più attenti all’ambiente, alle materie prime e alla
circolarità delle componenti delle proprie calzature vi è anche lo spagnolo
Ecoalf: i rifiuti di plastica raccolti dai pescatori divengono filati e tessuti per le
proprie linee di abbigliamento e accessori. L’azienda B corp ha così nelle
proprie linee sneakers con suole ricavate dalle alghe del mare, il tessuto
invece è un filato ricavato dalla plastica riciclata.
Tra l’altro, di alghe e scarpe vi avevamo parlato anche in un recente
approfondimento, in cui vi abbiamo segnalato l’esistenza delle Blueview, le
prime sneakers interamente biodegradabili al mondo. Se non lo avete già
fatto, andate a scoprirle qui.
Le scarpe che mixano ecologia, progetti sociali e giustizia
economica
Di esempi virtuosi, fortunatamente, ne esistono sempre di più. In attesa che
tutto ciò divenga davvero la norma e non l’eccezione, chiudiamo parlandovi
del progetto brasiliano Veja, che realizza scarpe da ginnastica che hanno
come “ingredienti” inconfondibili il portare avanti progetti sociali, giustizia
economica e l’utilizzo di materiali ecologici. Veja utilizza cotone organico
brasiliano e peruviano per la tela e i lacci, la gomma amazzonica per le suole
e vari materiali innovativi realizzati grazie al riciclo di bottiglie di plastica o di
poliestere riciclato.
E voi ora guarderete le vostre scarpe ancora con gli stessi occhi?
Leggi anche: Di Sana Pianta, in un laboratorio di Brescia le vecchie
sneakers diventano pezzi unici
fonte: ECONOMIACIRCOLARE.COM

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.