ANALISI E COMMENTI – LAVORO – In Italia si guadagna poco ed il lavoro è precario – dall’Inps una fotografia impietosa del Paese che scivola verso la povertà.

In Italia si guadagna poco ed il lavoro è
precario, dall’Inps una fotografia impietosa
del Paese che scivola verso la povertà.


Il presidente dell‘Inps Pasquale Tridico ha presentato a Palermo, a Palazzo
Steri, il rapporto annuale dell’Istituto nazionale di previdenza sociale. Tridico
ha spiegato come il 65 per cento dei 7,6 miliardi stanziati per il reddito di
cittadinanza siano finiti a cittadini che vivono nelle regioni del Sud. Un dato a
cui fa contraltare il fatto che il 70 per cento delle risorse stanziate dall’Inps per
le prestazioni Covid siano andate al Nord. Insomma, paese che vai, misura di
sostegno che trovi. Per Tridico restano problemi strutturali nel mondo del
lavoro: un terzo di lavoratori italiani guadagna sotto i mille euro, mentre il
22% degli occupati ha un lavoro a termine. Secondo il numero uno
dell’INPS, i fondi del PNRR sono l’ultima chance per risollevare il mercato del
lavoro al Sud.
Resta gap occupazionale tra Nord e Sud
In linea col dato nazionale su Pil, crescita dell’occupazione e delle aziende in
Sicilia nel 2021. Per altri aspetti “tipici delle realtà del Sud”, come l’assistenza,
l’invalidità civile e il reddito di cittadinanza si è registrata una forte crescita
nonostante una ripresa economica che però non ha visto colmare il gap
rispetto all’anno precedente. Lo ha detto Sergio Saltalamacchia, direttore
regionale Inps Sicilia, a margine dell’evento.
Ampie fette di povertà
“Molto probabilmente la lettura è questa – ha aggiunto -: la crescita
economica non è sufficiente ad assorbire fette di povertà così ampie che si
sono purtroppo confermate. Come confermano i numeri pensionistici,
purtroppo una quota molto alta di pensioni va ai superstiti: la quota è quasi
tripla rispetto alla media nazionale e significa che complessivamente le
pensioni in Sicilia sono più vecchie rispetto al resto del territorio”. C’è
comunque il dato positivo che in generale il Paese è in forte recupero nel
2021, in crescita occupazionale ed economica. C’è al contempo anche una
frammentazione del mercato del lavoro in termini di occupazione, precarietà e
di bassi salari.
Media stipendi troppo bassa
“Riportiamo un terzo di lavoratori che guadagna sotto i mille euro e un 22%,
che è un picco storico, di lavoro a termine – ha detto il presidente dell’Inps
Pasquale Tridico -. Sono problemi che riscontriamo rispetto anche a una
transizione verso l’uscita dal mercato del lavoro, ovvero la pensione con
redditi sempre più bassi. Il fattore di investimento offerto oggi dal Pnrr
potrebbe essere soprattutto al Sud e città come Palermo un volano per
risolvere quei problemi strutturali che ha il nostro mercato del lavoro”.
A nord enorme spesa covid
“La spesa totale dell’Istituto nel 2021 – ha aggiunto Tridico – è stata di 385
miliardi di euro tra pensioni e assistenza: abbiamo speso circa 60 miliardi per
prestazioni Covid tra cassa integrazione, bonus per gli autonomi e altro.
Continuiamo a dire che il 65% del reddito di cittadinanza va al Sud, ma
dimentichiamo di dire che il 70% delle prestazioni Covid sono andate al Nord.
Anche per un fattore di onestà nei confronti di tanti cittadini del Sud bisogna
guardare alla spesa nel suo complesso e non ai 7,6 miliardi che all’anno si
spendono per il reddito di cittadinanza”.
Pensioni, “opzione donne” scelta da 25% della
platea
L’“opzione donna” ha avuto un tiraggio rispetto alla platea del 25%, un dato
che dimostra che la scelta è stata fatta da meno di un terzo delle donne. Dato
basso? “E’ una scelta – ha sottolineato il presidente dell’Inps Pasquale Tridico
-. Tutti sanno che col modello contributivo se si va in pensione prima si va con
un minore assegno pensionistico. E’ normale nel nostro modello contributivo,
ce lo abbiamo dal ’95, l’abbiamo riconfermato con la riforma Fornero“.
Ipotesi riforme pensioni in direzione giusta
A proposito della riforma delle pensioni e dell’ipotesi quota 58-59 anni con 35
di anzianità per gli uomini con un assegno più basso, così ha risposto Tridico
ai cronisti durante la conferenza stampa: “Credo che tutte queste riforme
siano orientate a un principio giusto, ovvero quello di garantire una certa
flessibilità in uscita rimanendo ancorati tuttavia al modello contributivo. Su
questo eravamo orientati anche durante il governo Draghi. Quindi se si va in
questa direzione poi ovviamente la politica deciderà ma si sembra che si è
abbastanza in linea rispetto a quello che si stava facendo”.
fonte: RESTOALSUD

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.