SANITA’ – La sanità verso le elezioni. Tra vecchie e nuove sfide tanti i nodi da sciogliere per chi governerà

La sanità verso le elezioni. Tra vecchie e
nuove sfide tanti i nodi da sciogliere per chi
governerà


di Luciano Fassari


Risorse, Liste d’attesa, carenza di personale, riforma dei medici di
famiglia e via dicendo. A meno di due mesi dal voto ecco i probemi
irrisolti che la sanità si porta dietro da tempo e su cui chiunque il 25
settembre conquisterà Palazzo Chigi e Lungotevere Ripa non potrà non
confrontarsi. Nella speranza che a roboanti proposte non corrispondano
altrettanti fallimenti
Pochi giorni fa abbiamo elencato le principali tematiche che con la fine
prematura della legislatura si bloccheranno o rischieranno di restare delle
incompiute. Oggi a meno di due mesi dal voto però è utile affrontare anche gli
intricati e mai sciolti nodi che la sanità si porta dietro da tempo e su cui
chiunque il 25 settembre conquisterà Palazzo Chigi e Lungotevere Ripa non
potrà non confrontarsi.
Partiamo in primis da uno dei problemi cronici e più sentiti della sanità
italiana: le lunghe liste d’attesa. Con la pandemia, e testimonianza sono
anche gli ultimi dati Istat-Agenas, sono milioni gli interventi, le visite e più in
generale le prestazioni che sono state sospese. Ma com’è noto il problema
delle liste d’attesa è uno di quei malanni cronici del Ssn. In questa legislatura
prima l’ex Ministra alla Salute Giulia Grillo con il suo Piano nazionale, poi il suo
successore Speranza con lo stanziamento di 1 mld hanno provato a farvi fronte
ma senza togliere nulla alla bontà delle iniziative i risultati non sono stati quelli
sperati e ancora oggi per molti cittadini gli appuntamenti vengono fissati in date
improbabili rispetto all’esigenza di dover subito effettuare una visita, un esame
o un intervento. Conseguenza di tutto ciò: chi ha disponibilità economica si
rivolge al privato mentre chi non la ha aspetta e spera i ‘biblici’ tempi del
pubblico. Un film arcinoto dunque sui cui certamente occorrerà metter mano.
Un altro nodo da sciogliere è quello della carenza di personale. Come
abbiamo ampiamente documentato anche su Qs i tagli alla spesa per il
personale negli ultimi decenni hanno depauperato il Ssn della sua principale
forza lavoro. In pandemia ci si è messa una toppa, tra nuove assunzioni
(soprattutto infermieri) e aumento delle borse di specializzazione per i medici
ma è evidente che tutto ciò ancora non è sufficiente e nei prossimi anni senza
un cambio di rotta (eliminare o ammorbidire il tetto di spesa per il personale ad
esempio?) la situazione, con un personale sempre più anziano e provato
dall’emergenza è destinata a peggiorare. Ma per colmare la carenza di
personale occorrerà anche investire seriamente nei contratti. Gli aumenti messi
in pista negli ultimi anni non sono adeguati.
A questo filo poi si lega la riforma della sanità territoriale. Con il Pnrr e il
collegato Dm 77 si è voluto disegnare un nuovo modello di cure primarie basato
su Case della Comunità, ospedali di comunità e potenziamento dell’assistenza
domiciliare. Ma, a meno di sorprese dell’ultima ora, è mancata la definizione
della riforma della medicina generale. Ora chi scrive non è un appassionato di
modelli precostituiti (libera professione in convenzionamento, dipendenza o
soluzioni ibride) ma ha ben chiaro che il modello così com’è non regge più.
Da un lato i medici di famiglia sono sempre meno, oberati di burocrazia e con la
pandemia anche sfiduciati nel loro ruolo e nelle loro prospettive future. Dall’altro
però difendere a spada tratta uno schema ormai superato con gli studi aperti a
singhiozzo e chiusi nel fine settimana, con pochi servizi annessi e connessi e
che troppo spesso lasciano al cittadino (a meno di non avere un medico che
condivide e risponde al cellulare) come unica alternativa il Pronto soccorso è
fuori dal tempo. Chi governerà dovrà fare una seria riflessione e investire
risorse intellettuali ed economiche non solo per creare nuove strutture. Il Dm 77
cerca di connettere tutta quella miriade di servizi presenti ma se non si
valorizza il regista e non lo si dota degli strumenti adeguati il rischio per il
cittadino è di ritrovarsi spaesato come accade oggi.
In questo quadro un altro tassello da affrontare è l’ospedale. In primis va
costruita una concreta sinergia di quest’ultimo con i servizi territoriali. Al di là
delle parole oggi l’integrazione è ancora una chimera. E poi andrebbero risolti
tutti quegli imbuti che come purtroppo il Covid ci ha palesemente dimostrato
hanno l’effetto di intasare i pronto soccorso attivando un perverso meccanismo
che blocca i reparti con il risultato di restringere i servizi ai cittadini. E allo
stesso tempo andranno meglio tutelate le condizioni di lavoro dei professionisti
sempre più stremati e allettati dalle sirene del privato. Sempre sull’ospedale
sarebbe anche l’ora di sburocratizzare l’utilizzo dei fondi per il loro
ammodernamento: 10 mld ancora non spesi è una cifra esagerata visto lo stato
di molti presidi.
Dulcis in fundo le risorse. Come a più riprese ha evidenziato il Ministro
Speranza non sono mai stati immessi così tanti soldi per la sanità come negli
ultimi anni. I numeri non mentono, ma da un lato le Regioni denunciano come vi
sia un ammanco di 4 mld dovuti a spese Covid non ristorate dallo stato (sul
punto preoccupano molto i bilanci 2022) e dall’altro il Def evidenzia che la
crescita di risorse per la sanità è destinata a terminare con il rischio di far
tornare il comparto all’infelice stagione di vacche magre.
In questo quadro sarà certamente un tema quello del rapporto tra Stato e
Regioni che in questi vent’anni più di qualche crepa ha mostrato.
Ovviamente i temi e le questioni se si volesse entrare nello specifico sono
ancora parecchi, si pensi solo alla gestione del Covid, alla necessaria riforma
della governance del farmaco e dei dispositivi medici, all’aggiornamento dei Lea
e anche ad una chiara visione sullo sviluppo delle professioni sanitarie che da
anni registrano conflitti sulle competenze.
Le sfide per chi governerà la sanità sono dunque numerose. La speranza è di
non assistere a film già visti fatti di roboanti proposte per accaparrare voti che
poi magicamente evaporano una volta raggiunto lo scopo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.