Mutui, cosa cambia con il secondo aumento di 75 punti dei tassi Bce

Mutui, cosa cambia con il secondo
aumento di 75 punti dei tassi Bce


di Rossella Savojardo
Per quelli a tasso variabile rate più care di circa 137 euro. L’impatto sarà
diverso per ciascun mutuatario in base all’importo residuo del
finanziamento e al numero di rate ancora da pagare. Anche sottoscrivere
un mutuo a tasso fisso costa di più | Lagarde (Bce): ecco i tre elementi
chiave per le prossime decisioni sui tassi | La Bce alza i tassi di 75 punti base
al 2% e conta di aumentarli ancora
La Banca Centrale Europea ha alzato di nuovo i tassi di interesse di altri 75
punti base dopo la mossa storica di settembre. Una mossa ancora volta a
frenare l’elevata inflazione ma che si ripercuoterà sui mutui e prestiti di
imprese e famiglie. Quali saranno le ripercussioni? I primi a risentire del nuovo
aumento dei tassi saranno coloro che hanno già sottoscritto un mutuo a tasso
variabile. I mutui a tasso variabile sono, infatti, indicizzati all’Euribor, il tasso
interbancario di riferimento in Europa, che è già salito da luglio ad ora e non è
destinato a decrescere al momento.
Aumentano le rate dei mutui a tasso variabile
Prendendo in considerazione un mutuo variabile da 200.000 euro da restituire
in 25 anni, sottoscritto a giugno 2022 con un tasso (Tan) di partenza pari a
0,90%, la rata da giugno a ottobre è già aumentata di 137 euro in seguito agli
aumenti della Bce. Secondo le ultime stime fornite da Facile.it, considerando
l’indice Euribor cresca ulteriormente e in modo analogo all’aumento dello
0,75% dei tassi, la rata del quarto trimestre dell’anno potrebbe aumentare di
altri 214 euro rispetto a giugno a 959.
In questo caso il comparatore ha anche un secondo scenario nel quale sono
state utilizzate le previsioni fatte dai futures sugli Euribor secondo le quali, a
dicembre 2022, l’Euribor arriverà a 2,24%. In questo scenario l’aumento
rispetto a giugno sarà di 252 euro con una rata mensile di 997 euro.“Per vedere quale sarà l’aumento effettivo delle rate bisognerà attendere di
vedere come si muoverà l’Euribor”, spiegano da Facile.it, “se è vero infatti che
l’indice cambia sulle base delle aspettative dei tassi Bce, non è detto che lo
faccia in misura uguale ai tassi della banca centrale”. L’impatto sarà
comunque diverso per ciascun mutuatario in base all’importo residuo del
finanziamento e al numero di rate ancora da pagare. “Più si è vicini alla fine
del piano di ammortamento”, spiegano i comparatori, “minore sarà l’effetto
sulle rate”.
Sottoscrivere un mutuo a tasso fisso costà già di più
Per chi ha sottoscritto già un mutuo a tasso fisso non cambierà, la rata
dunque resterà invariata. L’offerta sarà diversa, invece, per i nuovi mutuatari
che optano per un mutuo con questo genere di tasso. Chi sceglierà d’ora in
poi di sottoscrivere un mutuo a tasso fisso, quindi, pagherà interessi superiori
rispetto a chi ha ottenuto lo stesso tipo di mutuo negli scorsi mesi. In questo
caso, da Facile.it hanno calcolato che per chi ha sottoscrive un mutuo a tasso
fisso da 200.000 euro in 25 anni ad ottobre di quest’anno si trova a pagare, in
media, una rata di 1.022 euro, vale a dire circa 100 euro in più al mese
rispetto a chi ha sottoscritto lo stesso finanziamento a giugno 2022.
Quanto alle prospettive future per i mutui a tasso fisso è difficile determinare
l’andamento che seguiranno. È importante, infatti, sottolineare che i mutui a
tasso fisso sono indicizzati all’Euris (Irs)e non all’Euribor. L’Irs, più che
guardare all’andamento dei tassi Bce guarda da vicino l’andamento del
rendimento del Bund, quindi non è detto che all’aumentare dei tassi Banca
Centrale europea crescano anche i tassi fissi.
Nonostante il livello dei tassi di interesse in Europa e in Italia sia più alto
rispetto agli scorsi mesi, questi rimangono comunque più bassi se si
considerano non gli andamenti più recenti ma quelli degli ultimi 15 o 20 anni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.