LAVORO – Lavoro femminile: è occupata solo una donna su due

Happy female distribution warehouse worker standing by trolley in plant. Woman in uniform moving a rack with boxes in warehouse.

Lavoro femminile: è occupata solo una
donna su due

In Italia le donne cercano lavoro più degli uomini e solo il 50% ha
un’occupazione: i dati dell’indagine Jobtech
Chi cerca lavoro è donna nel 65% dei casi. Lo rileva un’indagine Jobtech
condotta su un campione di oltre 20mila persone impegnate nella ricerca
attiva di lavoro negli ultimi sei mesi. Una situazione che mette in evidenza
l’impatto della pandemia sulle lavoratrici, ma anche la necessità di regole ad
hoc per ridurre il divario uomo-donna che riguarda sia la disparità di
retribuzione sia l’accesso al lavoro stesso.
Il tasso di occupazione in Italia è tornato ai livelli precedenti al Covid (al 59%
del febbraio 2020), tuttavia le donne che lavorano sono solo il 50,5% del totale
e cercano lavoro più degli uomini, trovandolo con maggiore difficoltà. Le
donne rappresentano oltre il 70% di chi cerca occupazione nei settori retail,
contabilità e nel mondo dei call center, mentre gli uomini rappresentano la
maggioranza delle candidature solo nella ristorazione e nella logistica.
Tracciando l’identikit delle donne in cerca di impiego, l’87% ha conseguito un
diploma di maturità o una qualifica superiore (contro il 77% degli uomini): il
24,5%, inoltre, è in possesso di titoli di studio universitari mentre gli uomini si
fermano al 18%. Dal punto di vista territoriale, la situazione non è omogenea
in tutta Italia: il totale delle ricerche nelle regioni del Nord sfiora la soglia del
70%, mentre nelle regioni con tassi più bassi di occupazione si evince una
pari richiesta di lavoro tra uomini e donne.
Mentre confidiamo nel PNRR, per dare migliori prospettive a tutte le donne,
occorre lavorare costantemente per favorire un incontro efficace tra domanda
e offerta di lavoro, per contribuire alla crescita dell’occupazione femminile e
alla minimizzazione del gender gap in Italia – dichiara Paolo Andreozzi,
founder di Jobtech.
“Le aziende hanno a disposizione una forza lavoro competente, istruita e
dotata di numerose soft skill ed è un dovere morale garantire opportunità
occupazionali”

Lavoro femminile: è occupata solo una
donna su due

In Italia le donne cercano lavoro più degli uomini e solo il 50% ha
un’occupazione: i dati dell’indagine Jobtech
Chi cerca lavoro è donna nel 65% dei casi. Lo rileva un’indagine Jobtech
condotta su un campione di oltre 20mila persone impegnate nella ricerca
attiva di lavoro negli ultimi sei mesi. Una situazione che mette in evidenza
l’impatto della pandemia sulle lavoratrici, ma anche la necessità di regole ad
hoc per ridurre il divario uomo-donna che riguarda sia la disparità di
retribuzione sia l’accesso al lavoro stesso.
Il tasso di occupazione in Italia è tornato ai livelli precedenti al Covid (al 59%
del febbraio 2020), tuttavia le donne che lavorano sono solo il 50,5% del totale
e cercano lavoro più degli uomini, trovandolo con maggiore difficoltà. Le
donne rappresentano oltre il 70% di chi cerca occupazione nei settori retail,
contabilità e nel mondo dei call center, mentre gli uomini rappresentano la
maggioranza delle candidature solo nella ristorazione e nella logistica.
Tracciando l’identikit delle donne in cerca di impiego, l’87% ha conseguito un
diploma di maturità o una qualifica superiore (contro il 77% degli uomini): il
24,5%, inoltre, è in possesso di titoli di studio universitari mentre gli uomini si
fermano al 18%. Dal punto di vista territoriale, la situazione non è omogenea
in tutta Italia: il totale delle ricerche nelle regioni del Nord sfiora la soglia del
70%, mentre nelle regioni con tassi più bassi di occupazione si evince una
pari richiesta di lavoro tra uomini e donne.
Mentre confidiamo nel PNRR, per dare migliori prospettive a tutte le donne,
occorre lavorare costantemente per favorire un incontro efficace tra domanda
e offerta di lavoro, per contribuire alla crescita dell’occupazione femminile e
alla minimizzazione del gender gap in Italia – dichiara Paolo Andreozzi,
founder di Jobtech.
“Le aziende hanno a disposizione una forza lavoro competente, istruita e
dotata di numerose soft skill ed è un dovere morale garantire opportunità
occupazionali”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.