INCENTIVI ALLE IMPRESE – Marchi collettivi 2022: domanda dal 22 novembre per la promozione del Made in Italy all’estero

Marchi collettivi 2022: domanda dal 22
novembre per la promozione del Made
in Italy all’estero


di Francesco Rodorigo – INCENTIVI ALLE IMPRESE
Dal 22 novembre sarà possibile fare domanda per l’incentivo Marchi
Collettivi 2022 relativo alla promozione all’estero di marchi collettivi e di
certificazione. L’agevolazione copre il 70 per cento delle spese
ammissibili. Massimo 150.000 euro per ogni richiedente. La richiesta va
inviata tramite PEC
Marchi collettivi 2022, a partire dal 22 novembre sarà possibile presentare la
domanda per l’incentivo del Ministero delle Imprese e del Made in Italy (ex
MISE).
Si tratta dell’agevolazione prevista per la promozione all’estero di marchi
collettivi e di certificazione. Lo si legge nel comunicato stampa del MIMIT del
16 novembre.
La misura si rivolge ad associazioni di categoria, consorzi di tutela e altri
organismi di tipo associativo o cooperativo. Le risorse sono concesse per il 70
per cento delle spese ammissibili, nel limite di 150.000 euro.
Le domanda di agevolazione, completa di tutti gli allegati necessari, va inviata
tramite PEC all’apposito indirizzo “marchicollettivi2022@legalmail.it” entro la
scadenza del 22 dicembre 2022.
Marchi collettivi 2022: domanda dal 22 novembre per la
promozione del Made in Italy all’estero
Sono disponibili i nuovi incentivi per la promozione all’estero dei marchi
italiani. Il 22 novembre 2022, infatti, si aprono i termini di presentazione delle
domande per l’agevolazione Marchi Collettivi 2022.
Si tratta del bando previsto dal Ministero delle Imprese e del Made in Italy
(MIMIT) e gestito da UNIONCAMERE per la promozione di marchi collettivi
e di certificazione fuori dai confini nazionali.
La misura è disciplinata dal decreto direttoriale del 3 ottobre 2022, nel
quale vengono specificati tutti i dettagli su soggetti beneficiari, spese
ammissibili e modalità di presentazione delle domande.
Come specificato anche nel comunicato stampa MIMIT del 16 novembre,
possono inviare la richiesta per l’agevolazione:
● associazioni rappresentative delle categorie produttive;
● consorzi di tutela di cui all’art. 53 della legge n.128/1998;
● altri organismi di tipo associativo o cooperativo.
Questi, al momento della domanda, devono essere titolari di un marchio
collettivo o di certificazione già registrato oppure di un titolo idoneo per l’uso
e/o la gestione di un marchio già registrato.
Per accedere all’agevolazione è necessario presentare progetti che
prevedano la realizzazione di almeno due delle seguenti iniziative di
promozione del marchio:
● partecipazione a fiere e saloni internazionali (anche in modalità
virtuale);
● eventi collaterali alle manifestazioni fieristiche internazionali (compresi
eventi di intrattenimento/informazione fuori dagli spazi fieristici);
● incontri bilaterali con associazioni estere;
● seminari in italia con operatori esteri e all’estero;
● azioni di comunicazione sul mercato estero, anche attraverso GDO e
canali on-line;
● creazione di comunità virtuali a supporto del marchio.
I progetti devono concludersi entro 10 mesi dalla notifica di concessione
dell’agevolazione.
Per il 2022 sono stati stanziati circa 2,5 milioni di euro e le risorse sono
concesse a copertura del 70 per cento delle spese ammissibili, nel limite
massimo di 150.000 euro per ogni soggetto. L’elenco delle spese ammissibili
per ogni iniziativa è disponibile nel testo del decreto del MISE.
Marchi collettivi 2022: come fare domanda per l’agevolazione
La domanda per beneficiare dell’agevolazione prevista dal bando Marchi
Collettivi potrà essere presentata a partire dal 22 novembre e fino alla
scadenza del 22 dicembre 2022.
I soggetti interessati dovranno verificare il possesso dei requisiti richiesti,
specificati nel decreto del MISE.
Se idonei, potranno procedere con la compilazione della domanda di
partecipazione e del progetto di promozione del marchio, indicando le
iniziative da realizzare tra quelle previste.
Ai fini della presentazione della richiesta sarà necessario disporre di un
indirizzo PEC e dotarsi di una firma digitale.
La domanda e la scheda del progetto, infatti, devono essere firmate
digitalmente dal legale rappresentante e inviate tramite PEC all’apposito
indirizzo “marchicollettivi2022@legalmail.it”, specificando nell’oggetto
“AGEVOLAZIONI PER MARCHI COLLETTIVI/CERTIFICAZIONE” e il nome
del soggetto richiedente.
I moduli necessari alla presentazione della domanda sono disponibili sul sito
dell’agevolazione.
Nel caso in cui dovesse essere superato il limite delle risorse a disposizione,
gli importi spettanti saranno ridotti per consentire la finanziabilità di tutti i
progetti ammissibili.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.