CARO CARBURANTI – Il Governo proroga al 21 agosto il taglio di 30 centesimi del costo alla pompa

CARO CARBURANTI – Il Governo proroga al 21 agosto il taglio di 30 centesimi del costo alla pompa

Il Governo ha disposto una nuova proroga al taglio del costo del carburante alla pompa. Il Ministro dell’Economia e delle Finanze, Daniele Franco, e il Ministro della Transizione Ecologica, Roberto Cingolani, hanno firmato infatti il Decreto Interministeriale che estende fino al 21 agosto le misure attualmente in vigore (e precedentemente fissate fino al 2 agosto) per ridurre il prezzo finale del carburante di 30 centesimi al litro sulle accise per benzina, diesel, Gpl e metano per autotrazione.

Il provvedimento era stato introdotto nei mesi scorsi e reso necessario dalla continua crescita del costo dei carburanti, aggravato anche dalla guerra in Ucraina e dalle relative sanzioni imposte dall’Unione europea alla Russia.

Dagli ultimi dati di Quotidiano Energia, al distributore self-service la benzina presenta un costo medio di 1,984 euro al litro, con i diversi marchi compresi tra 1,973 e 1,990 euro al litro (no logo 1,982 euro al litro). Il prezzo medio del diesel in modalità self è di 1,938 euro al litro, con le compagnie tra 1,932 e 1,947 euro al litro (no logo 1,938 euro al litro).

Per quanto riguarda i costi in modalità servito, il prezzo medio della benzina è di 2,128 euro al litro, con gli impianti colorati che praticano prezzi tra 2,061 e 2,193 euro al litro (no logo 2,034 euro al litro). Il diesel, invece, si attesta a 2,085 euro al litro, con le compagnie comprese tra 2,022 e 2,141 euro al litro (no logo 1,991 euro al litro).

Il prezzo medio del GPL si attesta tra 0,826 a 0,842 euro al litro (no logo 0,813 euro al litro). Il metano, infine, si colloca tra 2,054 e 2,343 euro (no logo 2,150 euro).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.