CALL CENTER – Registro delle opposizioni anche per i cellulari al via il 27 luglio 2022: cos’è e come funziona

Registro delle opposizioni anche per i cellulari
al via il 27 luglio 2022: cos’è e come funziona


di Anna Maria D’Andrea – LEGGI E PRASSI
Operativo dal 27 luglio 2022 il nuovo registro delle opposizioni: con
l’iscrizione si bloccano le chiamate dei call center, anche sui cellulari.
Panoramica sulle istruzioni operative, alla luce delle ultime novità: da
cos’è il RPO a come funziona, per arrivare alle regole da seguire per
stoppare le telefonate commerciali sui telefoni fissi e mobili
Al via dal 27 luglio scorso, il nuovo registro delle opposizioni: i consumatori
possono iscrivere anche i cellulari e non solo i telefoni fissi per bloccare le
chiamate dei call center.
Si va verso l’addio al telemarketing aggressivo: i tempi di avvio del nuovo
RPO, 120 i giorni di tempo a disposizione per predisporre il nuovo servizio per
le iscrizioni al RPO anche per i numeri non presenti negli elenchi pubblici,
sono stati dettati dal Decreto del Presidente della Repubblica n. 26/2022,
pubblicato in Gazzetta Ufficiale del 29 marzo scorso.
La conferma della data di attivazione è arrivata dal MISE, Ministero dello
Sviluppo Economico, con la notizia del 25 luglio 2022.
Il divieto di telefonate per vendite promozionali o commerciali si applicherà a
numeri iscritti al registro pubblico delle opposizioni sia in riferimento al
telemarketing effettuato da operatori che alle chiamate automatizzate.
Soffermiamoci quindi su cos’è il registro delle opposizioni e come funziona,
anche in relazione agli operatori di telemarketing tenuti a verificare l’elenco dei
contraenti.
Registro delle opposizioni anche per i cellulari al il 27 luglio 2022:
cos’è e come funziona
Il nuovo registro pubblico delle opposizioni è stato istituito dalla Fondazione
Ugo Bordoni per conto del MISE, in linea con le disposizioni contenute nel
DPR n. 26/2022, che estende le misure di tutela contro il telemarketing
aggressivo anche ai cellulari e, più in generale, ai numeri non presenti negli
elenchi telefonici pubblici.
L’iscrizione al registro consentirà ai cittadini di esercitare il proprio diritto di
opposizione a ricevere telefonate promozionali o commerciali da parte di call
center, ma anche per l’invio a mezzo posta di materiale pubblicitario o di
vendita diretta.
Come funziona l’iscrizione, e quali gli effetti?
Le [istruzioni da seguire->https://registrodelleopposizioni.it/cittadino/] sono
disponibili sul portale attivo dal 27 luglio 2022, entro la scadenza dei 120
giorni dalla data di pubblicazione del decreto n. 26/2022 in Gazzetta Ufficiale.
Il cittadino può richiedere gratuitamente l’iscrizione al RPO oppure il rinnovo,
la revoca selettiva e la cancellazione dell’iscrizione.
Tutte le richieste vengono gestite entro un giorno lavorativo, ma diventano
efficaci entro 15 giorni.
Registro delle opposizioni: iscrizione tramite telefono, mail o
modulo online
Come già anticipato dall’articolo 7 del DPR n. 26/2022, ai fini dell’iscrizione
sarà possibile compilare un apposito modulo elettronico disponibile sul
portale del registro delle opposizioni, tramite chiamata dal numero
che si intende iscrivere o in alternativa a mezzo mail.
Ciascun cittadino potrà richiedere al gestore del registro delle opposizioni
che il proprio numero o il proprio indirizzo postale riferito ai numeri indicati
negli elenchi pubblici siano iscritti, al fine di esercitare il diritto di opposizione
alla ricezione di telefonate promozionali o commerciali e materiale
pubblicitario o di vendita diretta.
L’iscrizione è gratuita, e come sopra anticipato potrà avvenire in tre modalità:
● tramite compilazione del modulo online sul sito del registro delle
opposizioni. In tal caso sarà necessario indicare il numero da iscrivere
al registro e fornire il proprio indirizzo email;
● tramite chiamata effettuata dal telefono che si intende iscrivere al
registro delle opposizioni, 800 957 766 in caso di utenze fisse o il
numero 06 42986411 in caso di cellulari;
● tramite email, inviando il modulo elettronico con il numero da iscrivere al
registro, dimostrandone la disponibilità.
Cosa comporterà l’iscrizione al registro delle opposizioni?
Sarà vietato il trattamento del proprio indirizzo postale e del numero di linea
fissa o cellulare da parte degli operatori, sia per l’invio di materiale
pubblicitario che per il compimento di ricerche di mercato o comunicazioni
commerciali tramite telefono o posta cartacea.
L’iscrizione comporta quindi la revoca di tutti i consensi precedentemente
espressi, a tempo indeterminato.
I cittadini potranno in ogni caso revocare in qualsiasi momento la propria
opposizione, anche nei confronti di specifici operatori, consentendo quindi a
questi ultimi il trattamenti dei dati ai fini dell’invio di materiale pubblicitario, di
vendita o ricerche di mercato.
Campagna informativa per i consumatori sul nuovo registro delle
opposizioni
L’introduzione di nuovi strumenti a tutela dei consumatori e contro il
telemarketing aggressivo è accompagnata anche da una specifica
campagna informativa, che verrà attuata nel primo semestre di funzionamento
del registro.
L’obiettivo è favorire la piena consapevolezza dei diritti e delle tutele previste,
così come delle modalità di iscrizione al registro delle opposizioni all’invio di
materiale pubblicitario a mezzo posta e alle telefonate su telefoni fissi e
cellulari.
Obbligo di informativa anche per gli operatori di telemarketing, che al
momento della chiamata o nel materiale pubblicitario inviato al cittadino
dovranno indicare le modalità di iscrizione al registro pubblico delle
opposizioni.
allegato:
Decreto del Presidente della Repubblica n. 26 del 27 gennaio 2022 –
Gazzetta Ufficiale 29 marzo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.