BONUS ED INCENTIVI – Bonus cinema potenziato per il 2022 e il 2023, le novità nella legge di conversione del DL Aiuti

Bonus cinema potenziato per il 2022 e il
2023, le novità nella legge di conversione
del DL Aiuti


di Rosy D’Elia – IMPOSTE
Bonus cinema potenziato per il 2022 e il 2023, le novità inserite nella
legge di conversione del DL Aiuti riguardano in particolare le piccole e
medie imprese. Si ha diritto a un credito d’imposta fino al 60 per cento
per i costi di funzionamento delle sale ma anche per la realizzazione, il
ripristino e la ristrutturazione degli ambienti
Bonus cinema, si rafforza ulteriormente il potenziamento delle agevolazioni
per le sale cinematografiche previste per il 2022 e il 2023.
Con la conversione in legge del Decreto Aiuti, che ha ottenuto il via libera
definitivo il 14 luglio, aumentano in particolare i potenziali benefici per le
piccole e medie imprese.
Dalla realizzazione di nuovi ambienti al ripristino di quelli inattivi, passando per
i costi di funzionamento, è possibile accedere a un credito di imposta fino al
60 per cento delle spese sostenute.
Bonus cinema potenziato per il 2022 e il 2023, le novità nella
conversione in legge del DL Aiuti
Già in principio il Decreto Aiuti aveva ampliato la portata dell’agevolazione
prevista dall’articolo 18 della legge 14 novembre 2016, n. 220.
Il testo, nella sua stesura originaria, aveva già previsto due novità per il 2022
e il 2023:
● innalzando dal 20 per cento al 40 per cento il valore del credito di
imposta;
● prevedendo che il calcolo dei benefici non deve essere effettuato sugli
introiti che derivano dalla programmazione di opere audiovisive, in
particolare italiane ed europee, ma sui costi di funzionamento delle sale
cinematografiche.
Con l’approvazione della legge di conversione del DL n. 50 del 2022,
questa particolare formula del bonus cinema viene ulteriormente potenziata:
per le piccole e medie imprese l’aliquota passa al 60 per cento.
Si crea, così, un doppio binario e il valore del credito d’imposta a cui si ha
diritto cambia, quindi, in base alle dimensioni dell’impresa a cui è affidata la
gestione delle sale cinematografiche.
Bonus cinema costi di funzionamento sale cinematografiche Aliquota
Grandi Imprese 40 per cento
Piccole e medie imprese 60 per cento
Bonus cinema 2022 e 2023: credito d’imposta più ampio per le
piccole e medie imprese
Per le piccole e medie, però, il potenziamento del bonus per i costi di
funzionamento delle sale cinematografiche non è l’unica novità che arriva con
la conversione in legge del Decreto Aiuti.
Per questa categoria di soggetti beneficiari viene ampliato anche il bonus
cinema previsto dall’articolo 17 della legge 14 novembre 2016, n. 220.
Con le modifiche apportate alla normativa, è possibile accedere a un credito
d’imposta non inferiore al 20 per cento e fino al 60 per cento anche per le
spese sostenute per:
● la realizzazione di nuove sale;
● il ripristino di sale inattive;
● la ristrutturazione e l’adeguamento strutturale e tecnologico delle sale
cinematografiche, l’installazione, la ristrutturazione, il rinnovo di
impianti, apparecchiature, arredi e servizi accessori delle sale.
L’aliquota massima accessibile è fissata dalla norma al 40 per cento e, con le
modifiche del DL Aiuti, si innalza solo per il 2022 e il 2023 e solo per le piccole
e medie imprese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.