ANALISI E COMMENTI – Indice di digitalizzazione dell’economia e della società 2022: progressi d’insieme ma ritardi per competenze digitali, PMI e reti 5G

Indice di digitalizzazione dell’economia e
della società 2022: progressi d’insieme ma
ritardi per competenze digitali, PMI e reti 5G


Nei giorni scorsi la Commissione europea ha pubblicato i risultati dell’indice
di digitalizzazione dell’economia e della società
Cerca le traduzioni disponibili del link precedente
IT••• (DESI) 2022, che registra i progressi compiuti negli Stati membri dell’UE
in ambito digitale. Durante la pandemia di COVID-19, gli Stati membri hanno
compiuto progressi nei loro sforzi di digitalizzazione ma stentano ancora a
colmare le lacune in termini di competenze digitali, digitalizzazione delle PMI
e diffusione di reti 5G avanzate. Il dispositivo per la ripresa e la resilienza,
con circa 127 miliardi di € destinati a riforme e investimenti nel settore
digitale, offre un’opportunità senza precedenti, che l’UE e gli Stati membri
non possono lasciarsi sfuggire, per accelerare la trasformazione digitale.
I risultati mostrano che, sebbene la maggior parte degli Stati membri stia
avanzando nella trasformazione digitale, le imprese stentano tuttora ad
adottare tecnologie digitali fondamentali, come l’intelligenza artificiale (IA) e i
big data. Occorre intensificare gli sforzi per garantire la piena diffusione
dell’infrastruttura di connettività (in particolare il 5G) necessaria per servizi e
applicazioni altamente innovativi. Le competenze digitali sono un altro settore
importante in cui gli Stati membri devono compiere progressi più ampi.
Margrethe Vestager, Vicepresidente esecutiva per Un’Europa pronta per l’era
digitale, ha dichiarato: “Il ritmo della digitalizzazione si sta intensificando. La
maggior parte degli Stati membri sta compiendo passi avanti nella costruzione
di una società e di un’economia digitale resilienti. Dall’inizio della pandemia
abbiamo compiuto sforzi notevoli per sostenere gli Stati membri in questa
transizione, ad esempio tramite i piani per la ripresa e la resilienza, il bilancio
dell’UE o, più di recente, anche tramite il dialogo strutturato su istruzione e
competenze digitali. Perché dobbiamo sfruttare al massimo gli investimenti e
le riforme necessari per conseguire gli obiettivi del decennio digitale nel 2030.
Quindi il cambiamento deve realizzarsi da subito.”
Il Commissario per il Mercato interno Thierry Breton ha aggiunto: “Ci stiamo
avvicinando ai nostri obiettivi digitali e dobbiamo continuare a impegnarci per
fare dell’UE un leader mondiale nella corsa alla tecnologia. Il DESI ci mostra
dove dobbiamo impegnarci ancora più a fondo, ad esempio per stimolare la
digitalizzazione dell’industria, comprese le PMI. Dobbiamo intensificare gli
sforzi affinché nell’UE ogni PMI, ogni impresa e ogni settore disponga delle
migliori soluzioni digitali e abbia accesso a un’infrastruttura di connettività
digitale di prim’ordine.”
La proposta della Commissione sul percorso per il decennio digitale
Cerca le traduzioni disponibili del link precedente
IT•••, concordata
Cerca le traduzioni disponibili del link precedente
IT••• dal Parlamento europeo e dagli Stati membri dell’UE, faciliterà una
collaborazione più stretta tra gli Stati membri e l’UE per progredire in tutte le
dimensioni contemplate dal DESI. La proposta fornisce un quadro per
permettere agli Stati membri di assumere impegni congiunti e di istituire
progetti multinazionali che ne accresceranno la forza collettiva e la resilienza
nel contesto mondiale.
Finlandia, Danimarca, Paesi Bassi e Svezia restano all’avanguardia dell’UE.
Ma anche questi paesi presentano lacune in settori chiave: la diffusione di
tecnologie digitali avanzate quali l’IA e i big data, che rimane al di sotto del
30% e molto lontana dall’obiettivo del decennio digitale del 75% per il 2030; la
diffusa carenza di personale qualificato, che rallenta il progresso generale e
porta all’esclusione digitale.
Sussiste una tendenza generale positiva alla convergenza: il livello di
digitalizzazione dell’UE continua a migliorare e gli Stati membri partiti dai livelli
più bassi crescono a un ritmo più rapido recuperando terreno a poco a poco.
In particolare, l’Italia, la Polonia e la Grecia hanno migliorato notevolmente i
loro punteggi DESI negli ultimi 5 anni, realizzando investimenti consistenti
grazie a una maggiore attenzione politica al digitale, anche con l’aiuto dei
finanziamenti europei.
Poiché gli strumenti digitali diventano parte integrante della vita quotidiana e
della partecipazione alla società, le persone prive di adeguate competenze
digitali rischiano di essere lasciate indietro. Solo il 54% degli europei di età
compresa tra i 16 e i 74 anni possiede almeno competenze digitali di base:
l’obiettivo del decennio digitale
Cerca le traduzioni disponibili del link precedente
IT••• è di arrivare almeno all’80% entro il 2030. Inoltre, sebbene tra il 2020 e il
2021 siano entrati nel mercato del lavoro 500 000 specialisti di TIC, i 9 milioni
di specialisti dell’UE sono ben al di sotto dell’obiettivo di raggiungere i 20
milioni di specialisti di TIC entro il 2030 e non sono sufficienti a rimediare alla
carenza di personale qualificato che sta affliggendo le imprese. Nel 2020
oltre metà delle imprese dell’UE (il 55%) segnalava difficoltà nel coprire i
posti vacanti di specialisti in TIC. Tale carenza rappresenta un pesante
ostacolo alla ripresa e alla competitività delle imprese dell’UE. La mancanza
di competenze specialistiche sta inoltre frenando gli sforzi dell’UE per
conseguire gli obiettivi del Green Deal. Sono quindi necessari sforzi ingenti
per la riqualificazione e lo sviluppo delle competenze della forza lavoro.
Per quanto riguarda l’adozione di tecnologie chiave, durante la pandemia di
COVID-19 le imprese hanno promosso l’uso di soluzioni digitali: l’uso del
cloud computing, ad esempio, ha raggiunto il 34%. Tuttavia l’utilizzo dell’IA e
dei big data da parte delle imprese si attesta, rispettivamente, solo all’8% e
al 14% (a fronte dell’obiettivo del 75% entro il 2030). Queste tecnologie
chiave offrono un enorme potenziale di innovazione e miglioramento
dell’efficienza, in particolare per le PMI. Per parte loro, solo il 55% delle PMI
dell’UE ha almeno un livello elementare di digitalizzazione (a fronte di un
obiettivo di almeno il 90% entro il 2030), il che indica che quasi la metà delle
PMI non si avvale delle opportunità create dal digitale. Oggi la Commissione
ha pubblicato un’indagine
Cerca le traduzioni disponibili del link precedente
EN••• sull’economia dei dati svolta interrogando le imprese.
Nel 2021 la connettività Gigabit in Europa ha avuto un ulteriore incremento.
La copertura delle reti che collegano gli edifici con fibra ottica ha raggiunto il
50% dei nuclei familiari, portando al 70% la copertura globale della rete fissa
ad altissima capacità (a fronte dell’obiettivo del 100% entro il 2030). Anche
la copertura del 5G è aumentata lo scorso anno, raggiungendo il 66% delle
zone popolate dell’UE; tuttavia, l’assegnazione dello spettro, presupposto
importante per il lancio commerciale del 5G, non è ancora completa: nella
stragrande maggioranza degli Stati membri è stato assegnato solo il 56%
dello spettro totale armonizzato 5G (fanno eccezione l’Estonia e la Polonia).
Inoltre, alcuni dei dati di copertura molto elevati si basano sulla condivisione
dello spettro delle frequenze 4G o dello spettro 5G a banda bassa, il che
non consente ancora la piena diffusione di applicazioni avanzate. Colmare
queste lacune è essenziale per liberare il potenziale del 5G e rendere
possibile l’introduzione di nuovi servizi con un elevato valore economico e
sociale, come la mobilità connessa e automatizzata, la produzione avanzata,
i sistemi energetici intelligenti o la sanità elettronica. Oggi la Commissione
ha pubblicato anche alcuni studi sui prezzi della banda larga fissa e mobile
Cerca le traduzioni disponibili del link precedente
EN••• in Europa nel 2021 e sulla copertura della banda larga in Europa
Cerca le traduzioni disponibili del link precedente
EN•••.
L’erogazione di servizi pubblici essenziali online è diffusa nella maggior
parte degli Stati membri dell’UE. In vista del lancio di un portafoglio europeo
di identità digitale, 25 Stati membri dispongono di almeno un regime di
identificazione elettronica, ma solo 18 di essi dispongono di uno o più regimi
di identificazione elettronica notificati a norma del regolamento eIDAS
Cerca le traduzioni disponibili del link precedente
IT•••, il che rappresenta un fattore chiave per la sicurezza delle operazioni
digitali transfrontaliere. La Commissione ha pubblicato oggi l’analisi
comparativa sull’e-government
Cerca le traduzioni disponibili del link precedente
EN••• 2022.
L’UE ha messo sul tavolo ingenti risorse a sostegno della digitalizzazione. 127
miliardi di € sono destinati alle riforme e agli investimenti connessi al digitale
nei 25 piani nazionali per la ripresa e la resilienza approvati finora dal
Consiglio: si tratta di un’opportunità senza precedenti per accelerare la
digitalizzazione, aumentare la resilienza dell’Unione e ridurre le dipendenze
esterne mediante riforme e investimenti. Gli Stati membri hanno destinato in
media il 26% della dotazione del dispositivo per la ripresa e la resilienza
(RRF) alla trasformazione digitale, superando la soglia obbligatoria del 20%.
Gli Stati membri che hanno scelto di investire oltre il 30% della propria
dotazione RRF nel settore digitale sono Austria, Germania, Lussemburgo,
Irlanda e Lituania.
Designare il digitale come una delle priorità fondamentali, fornire sostegno
politico e predisporre una strategia chiara e politiche e investimenti solidi sono
elementi indispensabili per accelerare la digitalizzazione e mettere l’UE sulla
buona strada per realizzare la visione delineata con il decennio digitale.
Contesto
L’indice annuale di digitalizzazione dell’economia e della società (DESI)
misura, in base ai dati Eurostat e a studi e metodi di raccolta specializzati, i
progressi compiuti dagli Stati membri dell’UE per realizzare un’economia e
una società digitali. Il DESI aiuta gli Stati membri dell’UE individuando i settori
cui destinare in via prioritaria investimenti e interventi. L’indice DESI
costituisce anche lo strumento chiave per l’analisi degli aspetti digitali nel
semestre europeo.
Il percorso per il decennio digitale
Cerca le traduzioni disponibili del link precedente
IT•••, presentato nel settembre 2021 e che dovrebbe entrare in vigore entro
la fine dell’anno, stabilisce un nuovo meccanismo di governance sotto forma
di un ciclo di cooperazione tra le istituzioni dell’UE e gli Stati membri affinché
possano conseguire insieme i traguardi, obiettivi e principi del decennio
digitale. Tale percorso affida al DESI il monitoraggio degli obiettivi del
decennio digitale: di conseguenza, gli indicatori DESI sono ora strutturati
intorno ai 4 punti cardinali della bussola per il digitale
Cerca le traduzioni disponibili del link precedente
IT••• 2030.
Per ulteriori informazioni
Domande e risposte – Indice di digitalizzazione dell’economia e della società
(DESI) 2022
Cerca le traduzioni disponibili del link precedente
IT•••
Indice di digitalizzazione dell’economia e della società
Cerca le traduzioni disponibili del link precedente
EN•••
Risultati di ciascuno Stato membro
Cerca le traduzioni disponibili del link precedente
IT•••
Nota metodologica
Studio PREDICT 2022 su TIC e R&S
Cerca le traduzioni disponibili del link precedente
IT•••
fonte: CONSIGLIO EUROPEO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.